Novartis
BMS
Lung Unit
Tumore Mammella

Atezolizumab, un inibitore del checkpoint immunitario anti-PD-L1, associato a buone risposte nel carcinoma uroteliale metastatico già trattato


I dati aggiornati di uno studio di fase II hanno mostrato che il trattamento con Atezolizumab, un inibitore del checkpoint immunitario anti-PD-L1, ha prodotto una sopravvivenza globale mediana di 11.4 mesi nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico o localmente avanzato che avevano alti livelli di PD-L1.

Nello studio in aperto, a braccio singolo, multicentrico, IMvigor 210, Atezolizumab è stato somministrato a 1200 mg per via endovenosa il primo giorno di ciascun ciclo di 21 giorni.
Il disegno dello studio comprendeva due coorti: la Coorte 1 ha arruolato pazienti con carcinoma uroteliale metastatico non-trattato, mentre la Coorte 2 ha reclutato coloro che presentavano progressione della malattia dopo un trattamento con un regime a base di Platino.

Sono stati presentati solamente i dati della Coorte 2.

La popolazione Coorte 2 consisteva in 316 pazienti pretrattati, il 40% dei quali aveva ricevuto almeno 2 regimi sistemici per la malattia metastatica.
Dei 316 pazienti, 311 sono stati valutati ( età mediana, 66 anni ).

L'endpoint primario dello studio era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) per RECIST v1.1, con endpoint secondari incentrati sulla durata della risposta ( DOR ), sopravvivenza globale, sopravvivenza libera da progressione, e sicurezza.

Lo stato PD-L1 è stato valutato su cellule tumorali e sulle cellule immunitarie utilizzando un saggio immunoistochimico basato sull’anticorpo SP142 sviluppato da Roche Diagnostics.

La durata mediana del trattamento è stata di 12 settimane ( range, 0-46 ).

I risultati ORR sono stati stratificati per livello di espressione di PD-L1, misurato dallo stato PD-L1 sulle cellule immunitarie infiltranti il tumore ( IC ): IC 2/3 ( media e alta espressione; n=100 ), IC 1/2/3 ( qualsiasi espressione; n=208 ), e tutti i pazienti ( n=310 ).

Nel corso di un follow-up mediano di 11.7 mesi ( range, da +0.2 mesi a 15.2 mesi ), l’ORR è stato pari al 26% per il sottogruppo IC 2/3, 18% per il sottogruppo IC 1/2/3, e del 15% per tutti i pazienti ( p inferiore a 0.01 per tutti i gruppi ).
I tassi di risposta completa sono stati rispettivamente, pari a 11%, 6% e 5%.

Risposte sono state anche riscontrate in diversi sottogruppi con scarsi fattori prognostici, tra cui metastasi viscerali ( n=243; ORR=10% ), metastasi epatiche ( n=97; ORR=6% ), performance status ECOG di 1 ( n=193; ORR=10% ), ed emoglobina inferiore a 10 g/dl ( n=68; ORR=9% ).

La durata mediana della risposta non è stata ancora raggiunta.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.1 mesi, indipendentemente dallo stato PD-L1.
Il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi è stata del 30%, 23%, e del 21%, rispettivamente, nel sottogruppo ad alta espressione di PD-L, bassa espressione di PD-L1, e nella popolazione totale.

La sopravvivenza mediana globale è stata pari a 11.4 mesi, 8.8 mesi e 7.9 mesi, rispettivamente, in IC 2/3, IC 1/2/3, e nella popolazione generale; i tassi di sopravvivenza generale a 12 mesi sono stati pari a 48%, 39% e 36%.

Atezolizumab è un anticorpo monoclonale che si lega al ligando PD-L1, impedendo l'attivazione di PD-1.
L'anticorpo è stato modificato per prevenire l'induzione di citotossicità anticorpo-dipendente o citotossicità complemento-dipendente. Questo ha l’obiettivo di ridurre la tossicità del farmaco.

In IMvigor 210, Atezolizumab è risultato ben tollerato, senza decessi correlati al trattamento, un basso tasso di tossicità di grado 3/4, e nessuna tossicità renale.

Il 69% dei pazienti ha sperimentato un evento avverso di qualsiasi grado. Gli eventi avversi di grado 3/4 correlati al trattamento si sono verificati nel 16% dei pazienti; reazioni avverse immuno-correlate di grado 3/4 si sono verificate nel 5% dei pazienti.
I più frequenti eventi avversi di grado 3/4 sono stati affaticamento ( incidenza: 2% ) e diminuzione dell'appetito, anemia, polmonite, ipertensione, ipotensione, colite, artralgia, dispnea, e aumento di ALT ( incidenza per ogni evento: 1% ). ( Xagena2016 )

Fonte: Genitourinary Cancers Symposium – ASCO, San Francisco, 2016

Pneumo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro