Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumore Ovaie

La combinazione di immunoterapia a base di Nivolumab e di Ipilimumab conferisce beneficio nel carcinoma neuroendocrino raro


Dallo studio di fase 2 DART è emerso che i pazienti con rari tumori neuroendocrini di alto grado traggono beneficio clinico da una combinazione di inibitori del checkpoint immunitario Ipilimumab ( Yervoy ) e Nivolumab ( Opdivo ).

Ipilimumab ha come bersaglio CTLA-4, mentre Nivolumab ha come target la proteina PD-1.

Il carcinoma neuroendocrino, che forma frequentemente tumori a livello polmonare e nel tratto digerente, è raro, con solo circa 12.000 pazienti diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti.
Tuttavia, la prevalenza è aumentata di sei volte tra il 1973 e il 2012, e i pazienti con la forma ad alto grado della malattia hanno opzioni limitate di trattamento.

Lo studio DART del Southwest Oncology Group, utilizza un disegno basket che consente di testare un singolo farmaco o una combinazione di farmaci in vari tipi di tumore.
DART sta attualmente valutando la combinazione di immunoterapia a base di Ipilimumab e Nivolumab in pazienti con 37 tipi di tumori rari, che rappresentano quasi un quarto di tutti i tumori diagnosticati in tutto il mondo.

Nello studio multicentrico di fase 2, prospettico, in aperto, è stata valutata la combinazione in 33 pazienti con tumori neuroendocrini, compresi 19 pazienti ( 58% ) con malattia di alto grado, che avevano una mediana di due precedenti linee di terapia.
La maggior parte dei tumori erano nel tratto gastrointestinale ( n = 15 ) o nei polmoni ( n = 6 ).

I pazienti hanno ricevuto 1 mg/kg di Ipilimumab ogni 6 settimane e 240 mg di Nivolumab per via endovenosa ogni 2 settimane.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) rappresentava l'endpoint primario dello studio, con la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), la malattia stabile per oltre 6 mesi e la tossicità come endpoint secondari.

E' stato riscontrato un ORR del 24%, tra cui 1 risposta completa e 7 risposte parziali, tutte presenti tra i pazienti con tumori neuroendocrini di alto grado.

Un terzo di tutti i pazienti ( n = 11 ) presentava una malattia stabile, compresi due pazienti con malattia stabile per più di 6 mesi. Entrambi i pazienti avevano una malattia di grado medio / basso.

La sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi è stata del 30% e la sopravvivenza mediana globale di 11 mesi.

Le tossicità più diffuse sono state l'affaticamento ( 30% ) e la nausea ( 27% ).
L'evento avverso a carattere immunitario più diffuso è stato l'aumento dell'alanina aminotransferasi ( ALT ) di grado 3 a 4 ( 9% ).
Non si sono verificate tossicità di grado 5. ( Xagena2019 )

Fonte: American Association for Cancer Research ( AACR ) Annual Meeting, 2019

Onco2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro