Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
Tumori testa-collo

Nivolumab mostra attività antitumorale nel carcinoma nasofaringeo


Nivolumab ( Opdivo ) ha mostrato una promettente attività clinica tra i pazienti con carcinoma nasofaringeo recidivante o metastatico.

Il carcinoma rinofaringeo è endemico in alcune parti dell'Asia e del Nord Africa ed è associato eziologicamente al virus di Epstein-Barr.

In uno studio di fase II a braccio singolo, è stata valutata la monoterapia con Nivolumab in 45 pazienti ( età media, 57 anni; 77.8% uomini ) con carcinoma nasofaringeo recidivante o metastatico.
Tutti i pazienti avevano ricevuto almeno una linea precedente di chemioterapia a base di Platino.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) era l'endpoint primario, mentre gli endpoint secondari comprendevano la sopravvivenza e la tossicità.

Il periodo di follow-up mediano è stato di 12.5 mesi per 28 pazienti in vita.

E' stato osservato un tasso di risposta obiettiva del 20.5% tra i 44 pazienti valutabili, con un paziente che ha ottenuto una risposta completa e otto pazienti che hanno ottenuto una risposta parziale.

Il 20% ( n=9 ) dei pazienti ha ricevuto Nivolumab per più di 12 mesi.

La sopravvivenza globale mediana era di 17.1 mesi ( IC 95%, 10.8 - Non-raggiunto ).
Il tasso di sopravvivenza globale a 1 anno era del 59% ( IC 95%, 44.3-78.5 ) e di sopravvivenza libera da progressione a 1 anno del 19.3% ( IC 95%, 10.1-37.2 ).

Una analisi descrittiva ha mostrato che i pazienti che rispondevano avevano più probabilità di avere tumori con un'espressione di PD-L1 superiore all'1%.

Il 33% dei pazienti con espressione di PD-L1 tumorale superiore all'1% ha risposto a Nivolumab contro il 13% dei pazienti i cui tumori non esprimevano PD-L1.
Tuttavia, questa differenza non ha raggiunto la significatività statistica.

Inoltre, una percentuale maggiore di pazienti con mancanza di espressione di una o entrambe le proteine HLA di classe 1 ( antigene leucocitario umano ) ha raggiunto la sopravvivenza senza progressione a 1 anno rispetto ai pazienti che hanno espresso entrambe le proteine ​​( 30.9% versus 5.6%; P = 0.01 ).

Il trattamento è apparso ben tollerato, con il 10.3% dei pazienti che ha interrotto il trattamento a causa di un evento avverso.
Dei 45 pazienti valutabili per tossicità, il 22.2% ha presentato un evento avverso di grado 3 o superiore.
Gli eventi avversi più comuni sono stati: colite, diarrea, affaticamento, aumento del livello di aspartato transaminasi [ AST ] o alanina aminotransferasi [ ALT ], neutropenia, iponatriemia e linfopenia.
Un paziente è morto di tubercolosi polmonare durante il trattamento. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2018

Onco2018 Neuro2018 Oto2018 Farma2018


Indietro