Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
ForumOncologico

Pembrolizumab promettente dopo Sorafenib nel carcinoma epatocellulare avanzato


In uno studio di fase II, il trattamento con l'inibitore PD-1 Pembrolizumab ( Keytruda ) ha mostrato risultati promettenti riguardo alla sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e alla sopravvivenza globale ( OS ) nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato ( HCC ) che avevano ricevuto un precedente trattamento con Sorafenib ( Nexavar ).

Dei 105 pazienti arruolati nello studio KEYNOTE-224, a braccio singolo, in aperto, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) con Pembrolizumab è stato pari al 16.3% ( IC 95%, 9.8% -24.9% ), con 1 risposta completa ( CR ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 4.8 mesi ( IC al 95%, 3.4-6.6 ) e la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta.
A 6 mesi, la sopravvivenza libera da progressionee e la sopravvivenza globale sono stati rispettivamente pari al 43.1% e al 77.9%.
23 pazienti erano ancora in trattamento.

Sorafenib rappresenta la terapia standard di prima linea per l'epatocarcinoma in fase avanzata, con Regorafenib ( Stivarga ) e Nivolumab ( Opdivo ) come le uniche opzioni di seconda linea in pazienti selezionati.
Regorafenib è stato approvato sulla base di un miglioramento della sopravvivenza globale in uno studio di fase III, mentre a Nivolumab è stata concessa una approvazione accelerata sulla base dei dati di risposta in uno studio di fase I/II.

Nello studio di fase II, l'efficacia e la sicurezza della monoterapia con Pembrolizumab sono state valutate in pazienti con carcinoma epatico avanzato di classe A nella classificazione Child Pugh che hanno manifestato progressione radiografica della malattia durante il trattamento con Sorafenib o erano intolleranti a Sorafenib, e avevano una aspettativa di vita prevista maggiore di 3 mesi.
Dei 105 pazienti arruolati, 104 sono stati trattati con Pembrolizumab, 200 mg ogni 3 settimane per 2 anni o fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile, ritiro del consenso o decisione dello sperimentatore.
La risposta è stata valutata ogni 9 settimane secondo i criteri RECIST v1.1.

L'età mediana dei pazienti era di 68 anni, il 21.2% era positivo per il virus dell'epatite B ( HBV ) e il 26.0% era positivo per il virus dell'epatite C ( HCV ).
Circa il 79.8% ha interrotto il trattamento con Sorafenib per la progressione della malattia e il 20.2% per intolleranza.
La malattia extraepatica era presente nel 63.5%.

Oltre al tasso di risposta obiettiva del 16.3%, il tasso di controllo della malattia era del 61.5% ( IC 95%, 51.5-70.9% ).
La migliore risposta generale è stata una risposta parziale ( PR ) nel 15.4%, risposta completa ( CR ) nell'1.0% e malattia stabile nel 45.2%.
Nei responder, il tempo medio di risposta è stato di 2.1 mesi. È stato stimato che circa il 94% dei responder aveva una durata della risposta maggiore o uguale a 6 mesi e la durata mediana della risposta era di 8.2 mesi ( intervallo da 2.3+ a 8.3+ ).
Le risposte sono state osservate nei pazienti con infezione da HBV o HCV e nei pazienti senza infezione.

Il tasso di eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) di qualsiasi grado è stato pari al 73.1%. Le reazioni avverse più comuni di qualsiasi grado sono state: prurito ( 21.2% ), affaticamento ( 12.5% ), aumento dell'aspartato aminotransferasi ( 9.6% ) e diarrea ( 9.6% ).
Complessivamente, il 25.0% dei pazienti presentava reazioni avverse di grado 3 o superiore.
E' stato segnalato un decesso correlato al trattamento a causa di esofagite ulcerativa.
Non è stata riscontrata nessuna esacerbazione di infezione da HCV o da HBV.
L'epatite immuno-mediata si è verificata in 3 pazienti ( 2.9%). ( Xagena2018 )

Fonte: Gastrointestinal Cancers Symposium, 2018

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro