Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Risultati promettenti con Nivolumab in monoterapia nel trattamento del tumore gastrico e del tumore della giunzione gastroesofagea


I dati preliminari dello studio CheckMate-032 hanno mostrato che Nivolumab ( Opdivo ) in monoterapia è risultato ben tollerato e ha mostrato attività antitumorale nei pazienti con tumori gastrici o della giunzione gastroesofagea, in fase avanzata, metastatici, sottoposti a un pesante pretrattamento.

CheckMate-032 è uno studio di coorte di fase I/II, randomizzato, in aperto, che ha incluso pazienti con tumore al polmone, alla mammella, alla vescica, al pancreas e all’ovaio che hanno ricevuto in monoterapia Nivolumab o una combinazione di Nivolumab e Ipilimumab.

I risultati presentati si riferiscono ai pazienti con tumore della giunzione gastroesofagea o con tumore allo stomaco, avanzato o metastatico, che hanno ricevuto in monoterapia Nivolumab.

Un totale di 59 pazienti hanno ricevuto Nivolumab in monoterapia, 3 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane, fino a progressione della malattia o a tossicità intollerabile.
La positività per PD-L1 non era obbligatoria per l'inclusione.
Sono state somministrate in media 5 dosi ( range, 1-31 ).

Complessivamente, il 76% dei pazienti era di sesso maschile; l’età media era di 60 anni ( range: 29-80 anni ); l'83% era stato trattato in precedenza con almeno due regimi; il 15% presentava tumore esofageo, il 53% tumore della giunzione gastroesofagea, e il 31% cancro gastrico.

Il tasso di risposta obiettiva era l’endpoint primario, mentre gli eventi avversi, la sopravvivenza globale, il tasso di sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza libera da progressione e la durata della risposta erano endpoint secondari.

Durante un periodo di follow-up medio di 4.6 mesi, il 7% dei pazienti è rimasto in trattamento attivo, mentre il 78% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di progressione della malattia, il 5% a causa della tossicità del farmaco e il 10% per altri motivi.

La percentuale di risposta complessiva è stata del 14%, con un paziente che ha raggiunto una risposta completa e 7 hanno raggiunto una risposta parziale, e 11 pazienti hanno presentato una stabilizzazione della malattia, con un tasso di controllo della malattia del 32%.
Il tempo mediano alla risposta è stato di 1.6 mesi e la durata mediana della risposta è stata di 7.1 mesi ( IC 95%, 0.0+, 13.2 ).

La sopravvivenza mediana globale è stata di 5 mesi, il tasso di sopravvivenza globale a 6 mesi è stato pari al 49%, e il tasso di sopravvivenza globale a 1 anno è stato del 36%.

Complessivamente, il 39% dei campioni tumorali presentava positività per PD-L1 ( cut-off di espressione 1% ).
Il tasso di sopravvivenza globale è stato del 27% tra i pazienti con tumori PD-L1 positivi rispetto al 12% tra i pazienti con tumori PD-L1 negativi.

Eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati nel 69% dei pazienti; il senso di affaticamento è stato riscontrato nella maggior parte dei casi.
Il 17% dei pazienti ha presentato un evento avverso di grado 3 o 4 , mentre il 10% ha manifestato un grave evento avverso, sempre correlato al trattamento.

Dallo studio è emerso che la monoterapia con Nivolumab è risultata ben tollerata nei pazienti con carcinoma gastrico o con carcinoma della giunzione gastroesofagea, metastatici.
La risposta è stata del 14% nei pazienti pesantemente pretrattati in una popolazione che consisteva sia di pazienti PD-L1 negativi sia PD- L1 positivi; il 49% e il 36% dei pazienti refrattari alla chemioterapia erano ancora vivi, rispettivamente, a 6 e 12 mesi. ( Xagena2016 )

Fonte: Gastrointestinal Cancers Symposium, 2016

Onco2016 Gastro2016 Farma2016


Indietro