Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumore Ovaie

Associazione tra immunoterapia e sopravvivenza generale nei pazienti anziani con melanoma


Il trattamento del melanoma è stato rivoluzionato con lo sviluppo di terapie immunitarie che offrono risposte cliniche durature in un sottogruppo di pazienti.
Gli esiti clinici dopo il trattamento mediante immunoterapia possono essere influenzati dal sistema immunitario dell'ospite.
Il sistema immunitario è modificato con l'età dalla disfunzione immunitaria età-correlata.

E' stato valutato se l'età influenzi l'esito clinico e gli eventi avversi immunitari in pazienti trattati con immunoterapia per il melanoma metastatico in una analisi di coorte in pazienti trattati con immunoterapia per melanoma metastatico nel periodo 2007-2016, presso il Lyon Sud Hospital, in Francia.

In totale 92 pazienti con melanoma metastatico trattati con Ipilimumab ( Yervoy ), Nivolumab ( Opdivo ) o Pembrolizumab ( Keytruda ) sono stati analizzati in modo retrospettivo.

La sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da progressione e gli eventi avversi correlati al sistema immunitario sono stati valutati per ciascuna linea di trattamento in base all'età dei pazienti.
92 pazienti erano eleggibili e sono stati inclusi nello studio per un totale di 120 linee di trattamento
54 pazienti sono stati inclusi nella coorte di 65 anni o meno ( 24, 44%, erano di sesso femminile, età media 48.1 anni ) e 38 pazienti sono stati inclusi nella coorte di età superiore a 65 anni ( 12, 34%, erano di sesso femminile, età media 74.8 anni ).

La durata media del follow-up a partire dall'inizio del trattamento è stata di 12.5 mesi.

I pazienti di età superiore a 65 anni trattati con immunoterapia hanno presentato una migliore sopravvivenza media libera da progressione ( 4.8 vs 3.4 mesi; P=0.04 ) e sopravvivenza globale ( non-raggiunta vs 10.1 mesi; P=0.009 ) rispetto ai pazienti più giovani nell'analisi univariata e dopo aver aggiustato le covariate della prognosi.
Ciò è risultato particolarmente vero per i pazienti trattati con inibitori di PD-1.

Gli effetti avversi correlati al sistema immunitario sono stati simili in entrambe le coorti.

In conclusione, l’età potrebbe essere associata a un migliore esito clinico dopo il trattamento con immunoterapia nel contesto della vita reale.
Nella coorte di studio, i pazienti più anziani non hanno avuto più eventi avversi correlati al sistema immunitario.
Ulteriori studi sono giustificati per confermare i risultati e descrivere i meccanismi alla base coinvolti. ( Xagena2018 )

Perier-Muzet M et al, JAMA Dermatol 2018; 154: 82-87

Onco2018 Dermo2018 Farma2018


Indietro