Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncoGeriatria

Atezolizumab associato a Bevacizumab prolunga la sopravvivenza libera da progressione nel carcinoma a cellule renali metastatico


I risultati dello studio clinico di fase 3 IMmotion151 hanno mostrato che la combinazione di Atezolizumab ( Tecentriq ) e Bevacizumab ( Avastin ) è associata a una sopravvivenza libera da progressione più lunga rispetto a Sunitinib ( Sutent ) come trattamento di prima linea per il carcinoma a cellule renali metastatico.
Il beneficio è apparso pronunciato tra i pazienti con tumori PD-L1-positivi.

I risultati dello studio IMmotion150 di fase 2 avevano mostrato una sopravvivenza libera da progressione, valutata dagli sperimentatori, più lunga nella popolazione intention-to-treat con Atezolizumab, una terapia anti-PD-L1, e Bevacizumab, una terapia anti-VEGF, rispetto a Sunitinib ( 11 versus 7.8 mesi ).

IMmotion151 è stato il primo studio randomizzato di fase 3 sulla terapia combinata anti-PD-L1 e emti-VEGF nel setting di prima linea del carcinoma a cellule renali metastatico.

Lo studio ha incluso 915 pazienti con carcinoma a cellule renali localmente avanzato o metastatico naive al trattamento.
I ricercatori hanno assegnato in modo random i pazienti a 1.200 mg di Atezolizumab per via endovenosa più 15 mg/kg di Bevacizumab ogni 3 settimane, oppure a 50 mg di Sunitinib per via orale secondo uno schema di 4 settimane di trattamento e di 2 settimane di pausa.

Gli endpoint coprimari erano: sopravvivenza libera da progressione tra pazienti con tumori PD-L1-positivi ( n=362 ), e sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat ( n=915 ), la durata della risposta ( DoR ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Il follow-up mediano per la sopravvivenza era di 15 mesi.

Il regime di associazione ha conferito una sopravvivenza mediana libera da progressione più lunga tra i pazienti con tumori PD-L1-positivi ( 11.2 mesi contro 7.7 mesi, hazard ratio, HR=0.74, IC 95%, 0.57-0.96 ) e tra pazienti intention-to-treat ( 11.2 mesi vs 8.4 mesi, HR=0.83, IC 95%, 0.7-0.97 ), rispetto a Sunitinib.

I dati riguardanti la sopravvivenza globale erano prematuri al momento della prima analisi ad interim.
Anche se la tendenza appare essere favorevole alla combinazione Atezolizumab e Bevacizumab.

Tra i pazienti con tumori positivi per PD-L1, il tasso di risposta obiettiva è stato pari al 43% con la combinazione contro il 35% con Sunitinib.
La durata mediana della risposta non era stimabile ( IC 95%, 12.4 - non-raggiunta ) per la combinazione e 12.9 mesi ( IC 95%, 9.8 - non-raggiunto) per Sunitinib.

Gli eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento sono risultati più bassi con il regime di associazione che con Sunitinib ( 40% vs 54% ).
Un evento avverso comunemente osservato era la perdita di proteine, che è associata al trattamento con Bevacizumab.
Eventi avversi di qualsiasi grado correlati al trattamento hanno portato all'interruzione del trattamento nel 12% del gruppo Atezolizumab - Bevacizumab e nell'8% del gruppo Sunitinib.

I risultati dello studio hanno indicato che l'associazione Atezolizumab e Bevacizumab potrebbe rappresentare una opzione di trattamento di prima linea per i pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato PD-L1-positivo. ( Xagena2018 )

Fonte: Genitourinary Cancers Symposium, 2018

Uro2018 Onco2018 Farma2018


Indietro