Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore Vescica

Atezolizumab promettente nel carcinoma mammario triplo negativo metastatico


Uno studio multicentrico di fase 1 ha mostrato che la monoterapia con Atezolizumab ( Tecentriq ) è risultata sicura e ha fornito un beneficio clinico duraturo tra i pazienti con carcinoma mammario triplo negativo metastatico.

I ricercatori hanno osservato il beneficio di sopravvivenza più significativo tra le donne che hanno ricevuto Atezolizumab come terapia di prima linea e tra quelle con livelli più alti di linfociti infiltranti il tumore e cellule immunitarie PD-L1-positive.

Lo studio di fase 1 multi-coorte, in aperto, ha interessato 116 donne ( età mediana, 53 anni ) con trattamento di carcinoma mammario triplo negativo metastatico in vari Centri medici universitari statunitensi ed europei nel periodo 2013-2016.

I pazienti hanno ricevuto 15 mg/kg, 20 mg/kg o 1.200 mg di Atezolizumab per via endovenosa a dose piatta ogni 3 settimane fino a tossicità inaccettabile o perdita di beneficio clinico.

I pazienti eleggibili avevano malattia misurabile mediante i criteri RECIST versione 1.1, il performance status ECOG da 0 a 1, e un campione per la valutazione dell'espressione di PD-L1 sulle cellule immunitarie.

La sicurezza e la tollerabilità erano gli endpoint primari. Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva, la durata della risposta e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
La sopravvivenza globale ( OS ) era un endpoint esplorativo.

Il follow-up mediano è stato di 25.3 mesi ( intervallo, 0.4-45.6 mesi ).

Gli eventi avversi associati al trattamento si sono verificati nel 63% dei pazienti, di cui il 79% erano di grado 1-2.
La maggior parte si è verificata entro il primo anno di trattamento.
Gli eventi avversi più comuni associati al trattamento comprendevano piressia ( 16% ), affaticamento ( 13% ), nausea ( 11% ), diarrea ( 10% ), astenia ( 10% ) e prurito ( 10% ).

In tutti i pazienti, la durata mediana della risposta è stata di 21 mesi con i criteri RECIST, e di 25 mesi con criteri di risposta immuno-correlati ( irRC ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 1.4 mesi ( IC 95%, 1.3-1.6 ) secondo RECIST e 1.9 mesi ( IC 95%, 1.4-2.5 ) secondo irRC.

Tra i 115 pazienti valutabili, Atezolizumab ha prodotto un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo RECIST del 10% ( IC 95%, 4.9-16.5 ).
Il tasso ORR ha raggiunto il 24% ( IC 95%, 8.2-47.2 ) tra i pazienti che hanno ricevuto terapia di prima linea e il 6% ( IC 95%, 2.4-13.4 ) per quelli che sono stati trattati come seconda linea o linea superiore.

Con irRC, il tasso ORR è stato pari al 13% in generale ( IC 95%, 7.5-20.6 ), 24% come terapia di prima linea ( IC 95%, 8.2-47.2 ) e 11% come terapia di seconda linea ( IC 95%, 5.2-8.7 ).

La sopravvivenza globale mediana è stata pari a 8.9 mesi ( IC 95%, 7-12.6 ); la sopravvivenza globale è stata pari al 41% ( IC 95%, 32-50 ) a 1 anno, 19% ( IC 95%, 11-26 ) a 2 anni e 16% ( IC 95%, 8-24 ) a 3 anni (IC 95% , 8-24).

L'espressione di PD-L1 di almeno l'1% sulle cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore è risultata associata a un più alto tasso di risposta obiettiva ( 12% versus 0% ) e a una più lunga sopravvivenza globale ( 10.1 vs 6 mesi ) rispetto a meno di 1% di cellule immunitarie infiltranti il ​​tumore.

I livelli di cellule immunitarie con espressione di PS-L1 superiori al 10% erano associati, in modo indipende, a più alto tasso ORR e a una più lunga sopravvivenza globale. ( Xagena2018 )

Fonte: JAMA Oncology, 2018

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro