OncoHub
Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia

Atezolizumab riduce il rischio di progressione di malattia nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule in stadio precoce con espressione di PD-L1


Atezolizumab ( Tecentriq ) somministrato dopo la chemioterapia a pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) di stadio da II a IIIA resecato ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da malattia rispetto alla sola migliore terapia di supporto nei pazienti in cui i tumori esprimevano PD-L1.
I risultati dello studio di fase III IMpower010 hanno indicato che l'aggiunta di Atezolizumab alla chemioterapia adiuvante potrebbe diventare uno standard di cura nelle prime fasi della malattia per questo gruppo selezionato di pazienti.

I progressi nel trattamento del tumore NSCLC sono stati principalmente nel contesto della malattia avanzata.
Questo è il primo studio di fase III a dimostrare che Atezolizumab dopo l'intervento chirurgico e la chemioterapia può ritardare significativamente la recidiva nei pazienti con carcinoma polmonare in fase iniziale.

Con la chemioterapia adiuvante nei pazienti con tumore NSCLC completamente resecato, il rischio di morte e di recidiva è risultato ridotto del 16%, ma la recidiva di malattia è ancora comune.
Lo studio IMpower010 è stato progettato per verificare se l'inibitore del checkpoint immunitario Atezolizumab aggiunto alla chemioterapia per i pazienti con tumore NSCLC di stadio da IB a IIIA completamente resecato, avrebbe migliorato i risultati.

Lo studio di fase III IMpower010 ha arruolato 1.280 pazienti, che sono stati tutti trattati con chemioterapia adiuvante a base di Cisplatino dopo essere stati sottoposti a resezione chirurgica completa per tumore NSCLC di stadio da IB a IIIA.
I pazienti che ancora soddisfacevano i criteri di ammissibilità dopo il completamento della chemioterapia ( n = 1.005 ) sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1:1 a ricevere Atezolizumab al dosaggio di 1.200 mg ogni 21 giorni ( per un massimo di 16 cicli ) rispetto alla migliore terapia di supporto.

L'endpoint primario della sopravvivenza libera da malattia è stato analizzato in tre sottogruppi: pazienti con tumori di stadio da II a IIIA e punteggio composito tumorale PD-L1 maggiore o uguale a 1%; tutti i pazienti assegnati in modo casuale con tumore NSCLC di stadio da II a IIIA; e un'analisi intention-to-treat dei pazienti con tumore NSCLC in stadio da IB a IIIA.
In questa analisi, circa la metà di tutti i pazienti con diagnosi di carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in stadio iniziale presentava tumori con espressione di PD-L1.

A un follow-up mediano di 32.8 mesi, nei pazienti con tumore NSCLC resecato di stadio da II a IIIA e punteggio composito tumorale PD-LI maggiore o uguale a 1%, Atezolizumab, somministrato dopo chemioterapia adiuvante, ha ridotto il rischio di progressione della malattia o morte del 34% rispetto alla migliore terapia di supporto ( P = 0.004 ).
La sopravvivenza mediana libera da malattia ( DFS ) non è stata raggiunta nel gruppo trattato con Atezolizumab contro 35.3 mesi per quelli a cui è stata fornita la migliore terapia di supporto.

Per tutti i pazienti con tumore NSCLC di stadio da II a IIIA, l'aggiunta di Atezolizumab ha ridotto il rischio di progressione della malattia del 21% rispetto alla migliore terapia di supporto.
La sopravvivenza mediana libera da malattia è stata di 42.3 mesi per il gruppo trattato con Atezolizumab e 35.3 mesi per quelli a cui è stata fornita la migliore terapia di supporto.
Nell'analisi intention-to-treat di tutti i pazienti, che ha incluso tutti i pazienti con tumore NSCLC in stadio da IB a IIIA, i limiti di significatività per la sopravvivenza libera da malattia non sono stati superati in questa analisi ad interim.

Lo studio di fase III IMpower010 ha rilevato che Atezolizumab ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da malattia nei pazienti con tumore NSCLC in stadio II-IIIA quando somministrato dopo resezione completa e chemioterapia.
Il beneficio è stato evidenziato nei pazienti con tumore NSCLC positivo per PD-L1.

I dati sulla sicurezza erano coerenti con il profilo di sicurezza noto di Atezolizumab e non sono emersi nuovi segnali di sicurezza nel corso dello studio.
Un numero maggiore di pazienti che hanno ricevuto Atezolizumab dopo chemioterapia e chirurgia ha avuto eventi avversi di qualsiasi grado: 92.7% vs 70.7% per la migliore terapia di supporto.
Eventi avversi di grado 3-4 sono stati riportati rispettivamente nel 21.8% e nell'11.5% dei pazienti, con o senza Atezolizumab.
Eventi avversi correlati al trattamento di grado 5 si sono verificati nello 0.8% del gruppo Atezolizumab e non erano applicabili nel braccio di controllo.
Gli eventi avversi che hanno portato alla sospensione del trattamento sono stati riportati nel 18.2% del braccio Atezolizumab e non erano applicabili nel braccio di controllo. ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Annual Meeting, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro