Roche Oncologia
Novartis
BMS
Lung Unit

Caratterizzazione dei predittori di risposta o di resistenza agli inibitori del checkpoint immunitario nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule


Indipendentemente dall'efficacia dell'inibizione del checkpoint immunitario in alcuni contesti, molti tumori non rispondono al trattamento con questi farmaci.

Il progetto PIONeeR è stato istituito al fine di comprendere e prevedere sulla base dello studio dei biomarcatori le resistenze agli inibitori PD-1 e PD-L1 nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule.

Lo studio PIONeeR è stato condotto su tessuto tumorale archiviato di pazienti trattati con Nivolumab, Pembrolizumab o Atezolizumab in monoterapia o terapia combinata.
I pazienti sono stati quindi sottoposti a nuova biopsia e sono stati raccolti campioni di sangue a 6 settimane dall'inizio del trattamento.
Le cellule immunitarie circolanti e le cellule infiltranti il tumore ( TIL) e l'inibizione mediata da PD-L1 sono state valutate utilizzando la citometria a flusso ( FACS ) e l'immunoistochimica multiplex con patologia digitale.

La prima analisi ha incluso 100 pazienti, di cui il 64% era di sesso maschile, e l'86% aveva ricevuto inibitori del checkpoint immunitario nel setting di seconda linea.
L'istologia era adenocarcinoma e rappresentava il 57% dei tumori; il 38% dei tumori era PD-L1-positivo.
La seconda biopsia era disponibile nel 46% dei casi.

Durante un tempo di follow-up mediano di 6.55 mesi, il tasso di risposta complessivo è stato del 13%.
La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) sono state rispettivamente di 3.0 e di 11.0 mesi ( valori mediani ).

Una più alta percentuale di cellule tumorali PD-L1 al basale e l'infiltrazione tumorale da parte dei linfociti citotossici sono state associate a una risposta più elevata.
Tra i pazienti con espressione tumorale PD-L1, una minore densità di cellule PD-L1-positive era associata a mancata risposta.

La sopravvivenza libera da progressione era associata alla percentuale di espressione di PD-L1 nelle cellule tumorali, al numero di cellule T attivate circolanti, ai livelli sierici di interleuchina 6 ( IL-6 ) e al numero di cellule T citotossiche all'interno del tumore.

La sopravvivenza globale era associata a cellule T attivate circolanti e a livelli sierici di IL-6, ma era anche associata al numero di cellule T circolanti e ai livelli sierici di fattore di necrosi tumorale-alfa ( TNF-alfa ). ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro