Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis
BMS

Carcinoma al polmone non-a-piccole cellule trattato con inibitori del checkpoint immunitario: la sopravvivenza risulta prolungata tra i pazienti con alterazioni di SMARCA4 senza co-mutazioni STK11/KEAP1


Da uno studio di coorte è emerso che gli esiti di sopravvivenza nei pazienti trattati con un inibitore del checkpoint immunitario ( ICI ) per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) e alterazioni SMARCA4 erano migliori rispetto ai pazienti con co-mutazioni STK11/KEAP1.

Lo scopo dell'analisi era determinare l'esistenza di una associazione tra mutazioni di SMARCA4 e gli esiti con inibitori del checkpoint immunitario senza la presenza confondente di mutazioni STK11/KEAP1.

Lo studio ha preso in esame i dati di una coorte di 441 pazienti con tumore NSCLC trattati con inibitori del checkpoint immunitario in due diversi centri.
Le alterazioni di SMARCA4 includevano mutazioni nonsense e frameshift, inserzioni e delezioni e mutazioni nel sito di giunzione che hanno provocato il troncamento.
Le variabili al basale erano simili tra i gruppi wild-type e con alterazioni SMARCA4.

Nella coorte, il 6.8% dei pazienti ( n=30 ) presentava un'alterazione di troncamento di SMARCA4, con il 53% ( n=16 ) dei pazienti che presentava anche co-mutazioni STK11/KEAP1.
I pazienti con mutazioni SMARCA4 avevano un carico mutazionale mediano del tumore di 8.85 mut/Mb.
La maggior parte dei pazienti con alterazioni di SMARCA4 ha ricevuto la monoterapia con inibitore del checkpoint immunitario come trattamento di prima linea ( 87% ).

Tra i 296 pazienti con dati valutabili, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è risultato più alto nel gruppo con alterazioni SMARCA4 al 53% versus 20% nel gruppo wild-type ( P = 0.001 ).

Gli esiti di sopravvivenza sono risultati prolungati nel gruppo con alterazioni SMARCA4 senza co-mutazioni STK11/KEAP1.

Sebbene non-significativo, c'è stato un miglioramento numerico nella sopravvivenza globale, con una mediana non-raggiunta con le alterazioni di SMARCA4 da sole rispetto a 5 mesi nel gruppo con co-mutazioni STK11/KEAP1 ( P = 0.06 ).

La sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente prolungata tra i pazienti con solo alterazioni di SMARCA4, con una mediana non-raggiunta rispetto a 1.8 mesi tra i pazienti con co-mutazioni STK11/KEAP1 ( P = 0.01 ).

I risultati di efficacia erano simili tra i gruppi wild-type e con alterazione di SMARCA4.

In conclusione, i pazienti con mutazioni che interessano SMARCA4 traggono maggiori benefici dal trattamento con gli inibitori del checkpoint immunitario. ( Xagena2020 )

Fonte: Zhou H et al, J Thoracic Oncol 2020; 15: e133-e136

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro