Roche Oncologia
Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub

Durvalumab, con o senza Tremelimumab, più Platino-Etoposide versus Platino-Etoposide da solo nel trattamento di prima linea del tumore polmonare a piccole cellule in stadio esteso: studio CASPIAN


Durvalumab ( Imfinzi ) di prima linea più Etoposide con Cisplatino o Carboplatino ( Platino-Etoposide ) ha mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza globale rispetto a Platino-Etoposide da solo nei pazienti con tumore al polmone a piccole cellule in stadio esteso ( ES-SCLC ) nello studio CASPIAN.

Sono stati riportati i risultati aggiornati, inclusa l'analisi primaria per la sopravvivenza globale con Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide rispetto al Platino-Etoposide da solo.

CASPIAN è uno studio di fase 3, in corso, in aperto, in cieco, randomizzato e controllato presso 209 Centri di trattamento dei tumori in 23 Paesi in tutto il mondo.
I pazienti idonei avevano un'età pari o superiore a 18 anni ( 20 anni in Giappone ) e avevano tumore ES-SCLC documentato istologicamente o citologicamente, erano naive al trattamento, con un performance status dell’OMS di 0 o 1.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, stratificando per Platino pianificato, a ricevere Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide, Durvalumab più Platino-Etoposide o Platino-Etoposide da solo.

In tutti i gruppi, i pazienti hanno ricevuto Etoposide 80-100 mg/m2 nei giorni 1-3 di ogni ciclo con area sotto la curva di Carboplatino 5-6 mg/ml/min o Cisplatino 75-80 mg/m2 a scelta dello sperimentatore il giorno 1 di ogni ciclo.

I pazienti nel gruppo Platino-Etoposide hanno ricevuto fino a 6 cicli di Platino-Etoposide ogni 3 settimane e una irradiazione cranica profilattica opzionale a discrezione dello sperimentatore.

I pazienti nei gruppi di immunoterapia hanno ricevuto quattro cicli di Platino-Etoposide più Durvalumab 1.500 mg con o senza Tremelimumab 75 mg ogni 3 settimane seguiti da mantenimento con Durvalumab 1.500 mg ogni 4 settimane.

I due endpoint primari erano la sopravvivenza globale per Durvalumab più Platino-Etoposide rispetto a Platino-Etoposide e per Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide rispetto a Platino-Etoposide nella popolazione intent-to-treat.

La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

Tra il 2017 e il 2018, 972 pazienti sono stati sottoposti a screening e 805 sono stati assegnati in modo casuale ( 268 a Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide, 268 a Durvalumab più Platino-Etoposide e 269 a Platino-Etoposide ).
A gennaio 2020, il follow-up mediano era di 25.1 mesi.

Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide non è stato associato a un miglioramento significativo della sopravvivenza globale rispetto a Platino-Etoposide ( hazard ratio, HR 0.82; P=0.045 ); la sopravvivenza globale mediana è stata di 10.4 mesi rispetto a 10.5 mesi.

Durvalumab più Platino-Etoposide ha mostrato un miglioramento sostenuto nella sopravvivenza globale rispetto a Platino-Etoposide ( HR 0.75; P nominale=0.0032 ); la sopravvivenza globale mediana è stata di 12.9 mesi rispetto a 10.5 mesi.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o peggiore per qualsiasi causa sono stati: neutropenia ( 85 su 266 pazienti, 32%, nel gruppo Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide, 64 su 265 pazienti, 24%, nel gruppo Durvalumab più Platino-Etoposide e 88 su 266 pazienti, 33%, nel gruppo Platino-Etoposide ) e anemia ( 34, 13%, 24, 9%, e 48, 18% ).

Eventi avversi gravi per qualsiasi causa sono stati riportati in 121 pazienti ( 45% ) nel gruppo Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide, 85 ( 32% ) nel gruppo Durvalumab più Platino-Etoposide e 97 ( 36% ) nel gruppo Platino-Etoposide.

Decessi correlati al trattamento si sono verificati in 12 pazienti ( 5% ) nel gruppo Durvalumab più Tremelimumab più Platino-Etoposide ( morte, neutropenia febbrile ed embolia polmonare, n=2 ciascuno; enterocolite, deterioramento della salute fisica generale e sindrome da disfunzione multiorgano, polmonite, polmonite ed epatite, insufficienza respiratoria e morte improvvisa, n=1 ciascuno ), 6 pazienti ( 2% ) nel gruppo Durvalumab più Platino-Etoposide ( arresto cardiaco, disidratazione, epatotossicità, malattia polmonare interstiziale, pancitopenia e sepsi, n=1 ciascuno ) e 2 ( 1% ) nel gruppo Platino-Etoposide ( pancitopenia e trombocitopenia, n=1 ciascuno ).

Durvalumab di prima linea più Platino-Etoposide ha mostrato un miglioramento della sopravvivenza globale sostenuta rispetto a Platino-Etoposide ma l'aggiunta di Tremelimumab a Durvalumab più Platino-Etoposide non ha migliorato significativamente gli esiti rispetto a Platino-Etoposide.

Questi risultati supportano l'uso di Durvalumab più Platino-Etoposide come nuovo standard di cura per il trattamento di prima linea del carcinoma al polmone a piccole cellule in stadio esteso. ( Xagena2021 )

Goldman JW et al, Lancet Oncology 2021; 22: 51-65

Onco2021 Pneumo2021 Farma2021


Indietro