Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
Tumore Ovaie

Efficacia di Pembrolizumab più Indoximod nel melanoma in fase avanzata


Uno studio di fase II ha mostrato che l'aggiunta dell'inibitore IDO Indoximod a Pembrolizumab ha portato a un tasso di risposta globale ( ORR ) del 61% nei pazienti con melanoma in fase avanzata.

E' stato riscontrato un più alto tasso di risposta completa ( CR ) del 20% rispetto al tasso del 12% precedentemente riportato al 2017 AACR Annual Meeting.
La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana con la combinazione è stata di 12.9 mesi, con un tasso di PFS a 1 anno del 56%.

Lo studio NLG2103, in aperto, non-randomizzato, a singolo braccio, ha valutato l'aggiunta di Indoximod agli inibitori del checkpoint immunitario, approvati per il melanoma: Ipilimumab ( Yervoy ), Nivolumab ( Opdivo ), o Pembrolizumab ( Keytruda ).

I pazienti arruolati avevano un melanoma non-resecabile in fase III/IV, non avevano ricevuto un trattamento sistematico per almeno 28 giorni e avevano un ECOG performance status di 2 o inferiore.

Su un totale di 102 pazienti, 94 sono stati trattati con Pembrolizumab e 8 con Nivolumab o Ipilimumab.

Nel braccio Pembrolizumab, i pazienti hanno ricevuto l'inibitore PD-1 per via endovenosa al dosaggio di 2 mg/kg ogni 3 settimane, insieme a Indoximod per via orale a 1.200 mg due volte al giorno in cicli di 21 giorni.
L'endpoint primario dello studio era ORR.

Il trattamento è stato somministrato fino a tossicità inaccettabile o progressione della malattia.

L'imaging è stato eseguito alla settimana 12 e successivamente ogni 8 settimane.

I pazienti sono stati autorizzati a cambiare farmaco per ricevere un altro inibitore del checkpoint immunitario alla progressione, pur continuando ad assumere Indoximod. 

I dati qui riportati hanno riguardato 51 pazienti con melanoma cutaneo, mucosale e di origine sconosciuta che hanno ricevuto Pembrolizumab e Indoximod.

L'ORR del 61% comprendeva 10 risposte complete ( 20% ) e 21 risposte parziali ( 41% ).
10 pazienti aggiuntivi hanno raggiunto una malattia stabile, per un tasso di controllo della malattia dell'80%.

Progressione della malattia è stata riscontrata in 10 pazienti.

I dati di sicurezza per Pembrolizumab e Indoximod sono stati presentati al meeting AACR e hanno incluso 9 pazienti aggiuntivi con melanoma oculare, per un totale di 60 pazienti.

I più comuni eventi avversi di qualsiasi grado hanno incluso affaticamento ( 60% ), mal di testa ( 33% ), nausea ( 32% ), artralgia ( 28% ), diarrea ( 28% ), prurito ( 26% ), eruzione cutanea ( 26% ), e tosse ( 21% ).
Le reazioni avverse di grado 3 hanno incluso 1 caso ciascuno di affaticamento, diarrea e rash cutaneo
I valori di laboratorio elevati hanno incluso alanina aminotransferasi ( n=2 ), amilasi ( n=1 ), aspartato aminotransferasi ( n=2 ), fosfatasi alcalina ( n=4 ), creatinina ( n=4 ) e lipasi ( n=2 ).

Gli eventi avversi gravi potenzialmente correlati a Indoximod hanno incluso: artrite di grado 3, gastrite e disturbi dell'udito, così come nefrite interstiziale di grado 2.
Tre pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi gravi.
Le reazioni avverse immunomediate hanno compreso dermatite ( n=2 ), ipotiroidismo ( n=2 ), polmonite ( n=2 ), colite ( n=1 ), gastrite ( n=1 ) e nefrite ( n=1 ).
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento. ( Xagena2017 )

Fonte: Third International Cancer Immunotherapy Conference, 2017

Onco2017 Dermo2017 Farma2017


Indietro