Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Melanome

Efficacia e sicurezza di Pembrolizumab nei pazienti fortemente pretrattati con adenocarcinoma avanzato, metastatico o carcinoma a cellule squamose dell'esofago: studio KEYNOTE-180


Le opzioni terapeutiche efficaci sono limitate per i pazienti con tumore esofageo avanzato e metastatico che progredisce dopo due o più linee di terapia sistemica.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Pembrolizumab ( Keytruda ) per i pazienti con carcinoma a cellule squamose esofageo avanzato metastatico ( ESCC ) o adenocarcinoma dell'esofago e della giunzione gastroesofagea avanzato metastatico che sono progrediti dopo 2 o più linee di terapia sistemica.

Lo studio di fase 2, in aperto, a braccio singolo KEYNOTE-180, ha arruolato 121 pazienti dal 2016 al 2017, da 57 Centri in 10 Paesi.
I pazienti presentavano tumore esofageo metastatico avanzato progredito dopo 2 o più linee di terapia e presentavano campioni tumorali valutabili per i biomarcatori.

Pembrolizumab 200 mg è stato somministrato per via endovenosa ogni 3 settimane fino alla progressione della malattia, a effetti tossici inaccettabili o alla sospensione dello studio, fino a 2 anni.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) in base ai criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi mediante revisione centralizzata dell'imaging per tutti i pazienti.

Nel settembre 2017, su 121 pazienti arruolati ( 100 uomini e 21 donne; età media, 65 anni ), 18 ( 14.9% ) avevano subito 3 o più terapie precedenti, 63 ( 52.1% ) presentavano tumore ESCC e 58 ( 47.9% ) presentavano tumori positivi per PD-L1, definiti con punteggio positivo combinato pari a 10 o superiore valutato mediante immunoistochimica.

La durata mediana del follow-up è stata di 5.8 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 9.9% tra tutti i pazienti ( 12 su 121 ) e la durata mediana della risposta non è stata raggiunta.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 14.3% tra i pazienti con tumore ESCC ( 9 su 63 ), 5.2% tra i pazienti con adenocarcinoma ( 3 su 58 ), 13.8% tra i pazienti con tumori PD-L1-positivi ( 8 su 58 ) e 6.3% tra i pazienti con tumori PD-L1-negativi ( 4 su 63 ).

Complessivamente, 15 pazienti ( 12.4% ) hanno presentato eventi avversi di grado da 3 a 5 correlati al trattamento.
Solo 5 pazienti ( 4.1% ) hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi.

C'è stato un decesso correlato al trattamento per polmonite.

Dove le opzioni terapeutiche efficaci siano una necessità insoddisfatta, Pembrolizumab ha fornito una attività antitumorale duratura con sicurezza gestibile nei pazienti con carcinoma esofageo pesantemente pretrattato.
Sono in corso studi di fase 3 che hanno valutato Pembrolizumab versus terapia standard per i pazienti con tumore esofageo progredito dopo terapia di prima linea o in combinazione con chemioterapia come terapia di prima linea per i pazienti con tumore esofageo localmente non-resecabile o metastatico in corso. ( Xagena2019 )

Shah MA et al, JAMA Oncol 2019; 5: 546-550

Gastro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro