Roche Oncologia
Novartis
OncoHub
Oncologia Morabito

Encefalite indotta da inibitori del checkpoint immunitario


L'encefalite è un grave evento avverso immuno-correlato secondario al trattamento con inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ).
Lo spettro dell'encefalite indotta da inibitori ICI ( ICI-iE ) varia dalla malattia che si risolve completamente alle forme letali.
Inoltre, gli inibitori del checkpoint immunitario possono smascherare un'encefalite paraneoplastica.
Ad oggi, i fattori associati alla prognosi dell' encefalite indotta da inibitori ICI sono sconosciuti.

È stata valutata la presentazione di encefalite indotta da inibitori ICI e sono state identificate caratteristiche utili nella valutazione dei risultati.
Una revisione sistematica ha riunito serie di casi dalla letteratura pubblicata ( n=77 ) e cartelle cliniche di 1 Centro ( n=5 ) per valutare l'associazione tra la forma di presentazione dell' encefalite indotta da inibitori ICI e la sua prognosi.

I criteri di ammissibilità includevano riferimenti identificati dalle ricerche dei database dal 2000 ( prima dose paziente di Ipilimumab ) al 2020, che esaminavano pazienti con encefalite con presunte caratteristiche eziologiche autoimmuni indotte da inibitori del checkpoint immunitario.
Sono state estratte le informazioni relative alle caratteristiche cliniche, del liquido cerebrospinale e del neuroimaging ( risonanza magnetica ), nonché il trattamento somministrato.

Sono stati inclusi in totale 82 pazienti ( 52 uomini, 63%; età media 61.0 anni ).
La maggior parte dei pazienti presentava sindromi focali ( 39, 48% ) o meningoencefalite ( 36, 44% ). 7 pazienti ( 9% ) avevano encefalite indotta da inibitori ICI non-classificabili.
Gli autoanticorpi neuronali sono stati rilevati in 23 pazienti con sindromi focali e 1 paziente con encefalite indotta da inibitori ICI non-classificabile.

La maggior parte degli autoanticorpi era onconeuronale ( 17 su 24, 71% ), mirata ad antigeni intracellulari.
I pazienti senza una sindrome focale o con una sindrome focale da anticorpi negativi avevano una buona prognosi ( 49 su 55, 89% ).

Tra i pazienti con autoanticorpi, quelli con decarbossilasi dell'acido anti-glutammico o superficie anticellulare hanno risposto al trattamento e avevano una prognosi favorevole ( 100% ).
Tuttavia, i pazienti con altri autoanticorpi hanno avuto risultati sfavorevoli ( 17 su 24, 71% ).

Autoanticorpi antineuronali (13 su 24, 54%, vs 5 su 41, 12%; P minore di 0.001 ), sindrome focale ( 16 su 39, 41%, vs 4 su 43, 9%; P=0.001 ) e reperti anomali della risonanza magnetica ( 14 su 39, 36%, vs 4 su 32, 13%; P=0.02 ) sono stati associati a esiti sfavorevoli.

Per contro, febbre ( 21 su 23, 91%, vs 41 su 59, 70%; P=0.04 ) e più alterazioni infiammatorie nel liquido cerebrospinale ( 30 su 31, 97%, vs 21 su 33, 64%; P=0.001 ) sono state associate a una prognosi migliore.

Gli inibitori del checkpoint immunitario possono indurre principalmente due diverse sindromi encefalitiche: un'encefalite limbica o extralimbica focale e una meningoencefalite.

L'encefalite indotta da inibitori del checkpoint immunitario è associata a un esito complessivamente favorevole, con un basso tasso di eventi fatali.
Una sindrome encefalica paraneoplastica preesistente non-rilevata può essere innescata da inibitori del checkpoint immunitario e questo tipo di sindrome ha l'esito peggiore tra tutti i diversi tipi di sindromi da encefalite indotta da inibitori del checkpoint immunitario.
La presentazione clinica e la misurazione sistematica degli autoanticorpi saranno una guida utile per la strategia terapeutica e per la consulenza sulla prognosi. ( Xagena2021 )

Velasco R et al, JAMA Neurol 2021; 78: 864-873

Neuro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro