OncoHub
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Novartis

Eventi avversi cronici immuno-correlati a seguito di terapia adiuvante anti-PD-1 per melanoma asportato ad alto rischio


Gli agenti anti-PD-1 / anti-PD-L1 migliorano la sopravvivenza a lungo termine in molti tumori avanzati e sono ora utilizzati come terapia adiuvante per i melanomi in stadio III e IV resecati.
L'incidenza e lo spettro degli eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) cronici non sono stati ben definiti.

Sono stati determinati l'incidenza, il decorso temporale, lo spettro e le associazioni di eventi avversi immuno-correlati cronici derivanti dalla terapia adiuvante anti-PD-1.

È stato condotto uno studio di coorte multicentrico retrospettivo tra il 2015 e il 2020 in 8 centri medici accademici negli Stati Uniti e in Australia.
Sono stati inclusi i pazienti con melanomi di stadio da III a IV trattati con anti-PD-1 nel contesto adiuvante.

Gli esiti principali erano incidenza, tipi e decorso temporale degli eventi avversi immuno-correlati cronici ( definiti come irAE persistenti almeno 12 settimane dopo l'interruzione della terapia ). Tra i 387 pazienti, l'età media era di 63 anni e 235 ( 60.7% ) erano maschi. Di questi pazienti, 267 ( 69.0% ) avevano qualsiasi eventi avversi immuno-correlati acuto, definiti come quelli insorti durante il trattamento con anti-PD-1, inclusi 52 ( 19.5% ) con eventi di grado da 3 a 5; 1 paziente ciascuno ha avuto miocardite fatale e neurotossicità.

Gli eventi avversi immuno-correlati cronici, definiti come quelli persistenti oltre le 12 settimane dall'interruzione dell'anti-PD-1, si sono sviluppati in 167 pazienti ( 43.2% ), e la maggior parte ( n=161; 96.4% ) sono stati lievi ( grado 1 o 2 ) e sono rimasti persistenti fino all'ultimo follow-up disponibile ( n=143; 85.6% ).

Endocrinopatie ( 73 su 88; 83.0% ), artrite ( 22 su 45; 48.9% ), xerostomia ( 9 su 17; 52.9% ), neurotossicità ( 11 su 15; 73.3% ) ed eventi oculari ( 5 su 8; 62.5% ) hanno avuto in particolare probabilità di diventare cronici.

Per contro gli eventi avversi immuno-correlati che colpiscono gli organi viscerali ( fegato, colon, polmoni, reni ) hano avuto tassi molto più bassi di possibilità di diventare eventi avversi immuno-correlati cronici; ad esempio, la colite è diventata cronica in 6 casi su 44 ( 13.6% ), di cui 4 su 6 ( 66.7% ) si sono risolti con un follow-up prolungato.
Età, sesso, tempo di insorgenza e necessità di steroidi non sono stati associati alla probabilità di cronicità degli eventi avversi immuno-correlati.

In questo studio di coorte multicentrico, gli eventi avversi immuno-correlati cronici associati alla terapia anti-PD-1 sembrano essere più comuni di quanto precedentemente riconosciuto e frequentemente persistono anche con un follow-up prolungato, sebbene la maggior parte sia di basso grado.
I rischi di eventi avversi immuno-correlati cronici dovrebbero essere integrati nel processo decisionale relativo al trattamento. ( Xagena2021 )

Patrinely JR Jr et al, JAMA Oncol 2021; 7: 744-748

Dermo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro