Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore polmone
Tumori GenitoUrinari

GIST in fase avanzata e in pazienti pesantemente trattati: risposte con la combinazione di Nivolumab e Ipilimumab


Nivolumab ( Opdivo ) da solo e in combinazione con Ipilimumab ( Yervoy ) ha indotto risposte nei pazienti con tumore stromale gastrointestinale ( GIST ) pesantemente pretrattato.

I dati provvisori dei primi 14 pazienti arruolati in uno studio randomizzato di fase II hanno mostrato una malattia stabile come migliore risposta in 3 dei 7 pazienti trattati con Nivolumab in monoterapia, e 1 risposta parziale e 2 casi di malattia stabile in pazienti che hanno ricevuto la combinazione Nivolumab e Ipilimumab. Le risposte sono state durature.

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) è stata di 8.6 settimane nel braccio Nivolumab e di 9.86 settimane nel braccio Nivolumab più Ipilimumab.
Affaticamento, artralgia, prurito e rash sono stati i principali eventi avversi correlati al trattamento.

Cinque dei 14 pazienti sono stati in terapia per più di 6 mesi.

I tre farmaci approvati per il trattamento dei GIST sono Imatinib, Sunitinib e Regorafenib.
Tutti i pazienti nello studio hanno presentato progressione della malattia dopo Imatinib.
Si ritiene che le mutazioni secondarie in KIT e PDGFR-alfa conferiscano resistenza agli inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ).

Nello studio, i pazienti con GIST avanzato o metastatico, e un performance status ECOG pari a 0 o 1 che erano progrediti nonostante il trattamento con Imatinib, sono stati assegnati in modo casuale a Nivolumab ( 240 mg ogni 2 settimane ) da soli o a Nivolumab più Ipilimumab ( 1 mg/kg ogni 6 settimane ), per un massimo di 2 anni.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettivo ( ORR ) secondo i criteri RECIST 1.1.

Il tasso di beneficio clinico in ciascun gruppo è stato pari al 42.8%.
La sopravvivenza media libera da progressione è stata di 15.3 settimane nel braccio Nivolumab e di 18 settimane nel braccio di combinazione.

Gli eventi avversi correlati a Nivolumab includevano: affaticamento ( 26.3% ), prurito ( 15.8% ), artralgia ( 10.5% ) ed eruzione cutanea ( 10.5% ).
Gli eventi avversi più comuni correlati a Ipilimumab sono stati: rash ( 21.1% ), artralgia ( 10.5% ) e prurito ( 10.5% ).
Un paziente nel braccio solo Nivolumab ha presentato affaticamento di grado 3. Gli eventi avversi di grado 3 correlati a Ipilimumab includevano 1 caso ciascuno di diarrea e senso di debolezza. ( Xagena2018 )

Fonte: Gastrointestinal Cancers Symposium, 2018

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro