Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Inibitori del checkpoint immunitario nei pazienti con tumori ad alta instabilità dei microsatelliti


La via di riparazione del mismatch ( MMR ) svolge un ruolo cruciale nella riparazione degli errori di replicazione del DNA nelle cellule normali e cancerose.
Difetti nelle proteine DNA MMR che determinano la condizione di alta instabilità dei microsatelliti ( MSI-H ) portano all'accumulo di mutazioni e alla generazione di neoantigeni, che possono stimolare la risposta immunitaria antitumorale.
Studi clinici hanno dimostrato che lo stato MSI-H è associato a benefici a lungo termine nei pazienti trattati con inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ).

È stata valutata l'attività degli inibitori del checkpoint immunitario in termini di tasso di risposta globale ( ORR ), tasso di controllo della malattia ( DCR ), sopravvivenza globale ( OS ) e sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei pazienti con tumori MSI-H.

Sono stati selezionati in una revisione sistematica e meta-analisi studi prospettici o retrospettivi che fornivano dati sugli esiti con inibitori del checkpoint immunitario nei pazienti con tumore MSI-H.

Il principale esito di interesse era il tasso di risposta globale. Gli endpoint secondari erano la sopravvivenza senza progressione mediana, la sopravvivenza globale mediana, il tasso aggregato di pazienti vivi a 1, 2 e 3 anni e il tasso aggregato di pazienti che hanno raggiunto il tasso di controllo della malattia ( calcolato come la somma del tasso di malattia stabile e il tasso ORR ).

Complessivamente, 939 pazienti ( 14 studi ) sono stati analizzati principalmente in ambienti pretrattati.

Il tasso di risposta globale aggregato è stato del 41.5%. Il tasso di controllo della malattia, in forma aggregata, è stato del 62.8%. La sopravvivenza mediana senza progressione aggregata è stata di 4.3 mesi.

La sopravvivenza mediana globale aggregata è stata di 24 mesi. La sopravvivenza globale aggregata a 1 e 2 anni è stata del 75.6% e del 56.5%, rispettivamente.
Poiché solo 1 studio ha fornito dati di sopravvivenza globale a 3 anni, non è stata possibile un'analisi aggregata formale a 3 anni.

In questa meta-analisi di pazienti con tumore MSI-H pretrattato, gli inibitori del checkpoint immunitario sono stati associati a una elevata attività indipendentemente dal tipo di tumore e dal farmaco utilizzato.
Tra i biomarcatori molecolari per la selezione del trattamento, le proteine MMR possono avere un valore predittivo per l'attività immunoterapica. ( Xagena2020 )

Petrelli F et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1068-1071

Onco2020 Farma2020



Indietro