Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
OncoHub

La combinazione Pembrolizumab e Trastuzumab mostra un potenziale beneficio nel carcinoma mammario resistente a Trastuzumab


I risultati dello studio PANACEA hanno mostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) più Trastuzumab ( Herceptin ) è apparso ben tollerato, e ha mostrato un beneficio clinico tra le donne con carcinoma mammario avanzato HER-2-positivo con tumori PD-L1-positivi, resistenti a Trastuzumab.

Si è osservato che i tumori alla mammella HER-2-positivi ​​contengono alti livelli di infiltrazione delle cellule T.
L'obiettivo dello studio era quello di verificare se gli approcci immunoterapici possano funzionare nelle pazienti con carcinoma mammario HER-2-positivo avanzato, resistente a Trastuzumab.

Lo studio di fase 1b/2 a braccio singolo ha incluso 58 pazienti di età mediana di 50.5 anni con carcinoma mammario avanzato progredito con precedenti terapie basate su Trastuzumab.
Sono stati valutati i tumori per la positività a HER-2 e lo stato di PD-L1 e per la quantità di linfociti infiltranti il ​​tumore ( TIL ).

Nella fase 1b della sperimentazione, le pazienti hanno ricevuto 2 mg/kg di Pembrolizumab più 10 mg/kg di Trastuzumab per via endovenosa ogni 3 settimane.
Nella fase 2 della sperimentazione, le pazienti hanno ricevuto 200 mg di Pembrolizumab per via endovenosa con Trastuzumab ogni 3 settimane.
Non è stata osservata alcuna tossicità dose-limitante nella fase 1b.

La risposta obiettiva secondo RECIST ha rappresentato l‘esito primario dello studio; gli esiti secondari hanno incluso la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ), il tasso di controllo della malattia, la durata della risposta e la durata del controllo della malattia.

È stato riportato un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) del 15.2% e un tasso di controllo della malattia del 24% nella coorte PD-L1-positiva.
In un sottogruppo di queste pazienti con il 5% o più di linfociti infiltranti il tumore presenti nella lesione metastatica, ORR è aumentato al 39% e il tasso di controllo della malattia al 47%.

I livelli di linfociti infiltranti il tumore stromali nella lesione metastatica sono stati associati alla risposta, e un livello di TIL superiore al 5% potrebbe arricchire questa coorte per un alto tasso di risposta. Tuttavia, non sono state osservate risposte obiettive nella coorte negativa per PD-L1.

Il controllo della malattia è apparso duraturo tra le pazienti nella coorte positiva per PD-L1 che hanno avuto una risposta obiettiva o una malattia stabile, con una durata mediana di 11.1 mesi.
Al momento della presentazione dei dati, 5 pazienti erano senza progressione della malattia e almeno 2 pazienti avevano completato 2 anni con Pembrolizumab.

Gli esiti avversi hanno incluso affaticamento di grado 1-2 ( 21% ), ipertiroidismo e ipotiroidismo di grado 1-2 ( 6.9% ) e polmonite di grado 3-4 ( 3.4% ). ( Xagena2017 )

Fonte: San Antonio Breast Cancer Symposium, 2017

Onco2017 Gyne2017 Farma2017


Indietro