Lung Unit
Tumore Uroteliale
Melanome
ForumOncologico

Le reazioni avverse immuno-correlate alla tiroide sono comuni con gli inibitori PD-L1

sono comuni tra i pazienti trattati con gli inibitori di PD-L1.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare le reazioni avverse di tipo immunitario associate alla tiroide, in modo da migliorare le strategie di individuazione e gestione di questi effetti indesiderati.

Lo studio di coorte retrospettivo ha incluso 91 pazienti trattati con un inibitore di PD-L1 tra il 2016 e il 2018 presso la Mayo Clinic.
L'età media della coorte era di 68 anni; il 52% era di sesso maschile e il follow-up mediano è stato di 5 mesi.

Le reazioni avverse immuno-correlate si sono sviluppate nel 46% dei pazienti, di cui il 25% erano associate alla tiroide.

Le reazioni avverse immuno-mediate a livello tiroideo includevano tiroidite acuta ( 22% ), ipotiroidismo di nuova insorgenza ( 61% ) e peggioramento dell'ipotiroidismo ( 17% ).
Questi effetti si sono sviluppati dopo 2 dosi dell'inibitore PD-L1, con un tempo mediano allo sviluppo di 1.4 mesi.

I pazienti sono stati gestiti mediante osservazione ( 52% ) o attraverso il trattamento con Levotiroxina ( 48% ).

Al basale, elevati livelli di anticorpi anti-tireoperossidasi ( TPO ) erano presenti nel 31% dei pazienti; 2 pazienti hanno sviluppato un evento a carattere immunitario alla tiroide.

La maggior parte dei pazienti che hanno sviluppato una reazione avversa immuno-correlata alla tiroide hanno dimostrato un elevato assorbimento tiroideo di 18-FDG ( Fluoro-Desossiglucosio ) alla PET [ tomografia ad emissione di positroni ] ( P = 0.001 ).

I pazienti che hanno sviluppato una reazione avversa immuno-mediata alla tiroide hanno presentato una sopravvivenza globale ( OS ) di 12 mesi contro i 9.9 mesi dei pazienti che non hanno presentato questo effetto ( P = 0.03 ).
Sono necessari, tuttavia, ulteriori studi per determinare se un evento avverso di natura immunologica alla tiroide sia è un marcatore di risposta antitumorale.

Dallo studio è emerso che la tiroidite è la reazione avversa endocrina immuno-correlata più comune associata all'inibizione della proteina PD-L1.
L'assorbimento diffuso a livello tiroideo di 18-FDG ( rilevato dalla PET ), ma non gli elevati livelli di anticorpi anti-TPO, sembra identificare i pazienti a rischio di tiroidite o ipotiroidismo in questi pazienti. ( Xagena2018 )

Fonte: 88th Annual Meeting of American Thyroid Association ( ATA ), 2018

Onco2018 Endo2018 Farma2018


Indietro