Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
ForumOncologico
Tumore prostata

L'immunoterapia oncologica è sicura nei pazienti con malattie reumatiche


Meno del 40% dei pazienti con malattie reumatiche che hanno ricevuto le moderne immunoterapie antitumorali hanno manifestato una riacutizzazione o qualsiasi altro effetto avverso immuno-correlato alla loro condizione reumatologica.

Lo studio ha riguardato la più grande coorte a singolo Centro di pazienti con malattie reumatiche che hanno ricevuto una prescrizione per gli inibitori del checkpoint immunitario per cause oncologiche.

Le nuove immunoterapie tumorali, denominate inibitori del checkpoint immunitario, hanno rivoluzionato il panorama del trattamento antitumorale negli ultimi anni.
Una percentuale elevata di pazienti con tumori avanzati hanno risposto alla terapia, e in alcuni casi la risposta si è mantenuta nel tempo.

Tuttavia, i pazienti con malattia reumatica autoimmune sono stati in gran parte esclusi dagli studi clinici che hanno portato all'approvazione di questi farmaci, a causa del timore di riacutizzazione o peggioramento delle malattie autoimmuni come conseguenza dell'esposizione a questi trattamenti.

Di conseguenza, i pazienti con malattia autoimmune che hanno poi continuato a sviluppare il tumore, potrebbero non essere stati in grado di accedere a questi trattamenti potenzialmente salvavita.

Per valutare il rischio di riacutizzazioni reumatiche e altri effetti avversi tra i pazienti con preesistenti condizioni reumatologiche trattati con inibitori del checkpoint immunitario, è stata effettuata una revisione retrospettiva su circa 5.200 pazienti trattati con Ipilimumab ( Yervoy ) , Nivolumab ( Opdivo ), Pembrolizumab ( Keytruda ), o qualsiasi loro combinazione, presso la Mayo Clinic nel periodo 2011-2016.
Sono stati individuati 33 pazienti con preesistenti malattie autoimmuni reumatiche, e 16, la cui diagnosi era confermata dai criteri dell'American College of Rheumatology ( ACR ), sono stati inclusi nello studio.

Cinque dei 16 pazienti avevano avuto ricevuto una diagnosi di artrite reumatoide, mentre altri cinque soffrivano di polimialgia reumatica, due avevano sindrome di Sjogren e 2 hanno ricevuto una diagnosi di lupus eritematoso sistemico.
Inoltre, sette pazienti avevano ricevuto un trattamento con terapia immunosoppressiva o glucocorticoidi quando erano stati trattati per la prima volta con un inibitore del checkpoint immunitario.
Il tumore più comune era il melanoma, che ha riguardato 10 pazienti: quattro pazienti avevano polmonite e due avevano neoplasie ematologiche.

Sei dei 16 pazienti nello studio hanno presentato effetti avversi correlati al sistema immunitario e tutti sono stati trattati con successo con corticosteroidi.
L'età, il sesso, la durata dell'immunoterapia e le differenze nel tempo dalla diagnosi oncologica all'immunoterapia non hanno prodotto differenze tra i pazienti che hanno manifestato effetti avversi e quelli senza reazioni avverse.

Lo studio, anche se di piccole dimensioni, rappresenta la più ampia coorte di pazienti con patologia autoimmune preesistente che ha sviluppato il cancro, ed è stata trattata con inibitori del checkpoint immunitario.
I risultati di questo studio sono significativi in quanto solo un paziente su 16 identificati ha presentato una riacutizzazione della malattia autoimmune di base, indicando che, nel paziente appropriato con preesistente malattia autoimmune e con un attento monitoraggio, può essere utilizzata la terapia con inibitori del checkpoint immunitario. ( Xagena2018 )

Fonte: Arthritis & Rheumatology, 2018

Onco2018 Reuma2018 Farma2018


Indietro