Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Melanome
Tumori GenitoUrinari

Linfoma follicolare: efficacia della tripletta a base di Atezolizumab, ma gravata da effetti collaterali


Una analisi ad interim ha mostrato che la combinazione di Atezolizumab ( Tecentriq ), Obinutuzumab ( Gazyvaro ) e Bendamustina presenta attività di prima linea tra i pazienti precedentemente non-trattati con linfoma follicolare, ma ha anche provocato eventi avversi diffusi e un decesso correlato al trattamento.

Gli obiettivi di questo studio erano quelli di valutare la sicurezza e l'efficacia preliminare della nuova combinazione di Atezolizumab più Obinutuzumab più Bendamustina in pazienti con linfoma follicolare di nuova diagnosi.
È stato anche impiegato un braccio di sicurezza per confermare la sicurezza della combinazione delle tre terapie per il trattamento di prima linea.

Nello studio di fase 3 GALLIUM, l'induzione con l'anticorpo monoclonale anti-CD20 Obinutuzumab più la chemioterapia, seguita da mantenimento con Obinutuzumab da solo, aveva significativamente prolungato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) tra i pazienti precedentemente non-trattati con linfoma follicolare rispetto a un regime contenente Rituximab.

Tuttavia, il linfoma follicolare rimane incurabile e la maggior parte dei pazienti alla fine recidiva

E' stato valutato se Atezolizumab, che ha come bersaglio PD-L1, possa migliorare gli esiti quando viene aggiunto alla chemioterapia con Obinutuzumab e Bendamustina, seguito dal mantenimento con Atezolizumab e Obinutuzumab.

Sono stati assegnati 42 pazienti ( età mediana, 57 anni, 52% uomini ) con linfoma follicolare ( 93% stadio Ann Arbor III o IV, 49% grado 2 ) a infusioni di 1.000 mg di Obinutuzumab ( giorni 1, 8 e 15 del ciclo 1; giorno 1 dei cicli 2-6 ), 90 mg/m2 di Bendamustina ( giorni 1 e 2 dei cicli 1-6 ) e 840 mg di Atezolizumab ( giorni 1 e 15 dei cicli 2 -6 ) in cicli di 28 giorni.

I pazienti con risposta completa o parziale hanno ricevuto terapia di mantenimento con 1.000 mg di Obinutuzumab ( giorno 1 ogni due mesi ) e 840 mg di Atezolizumab ( giorni 1 e 2 di ciascun mese per 24 mesi o meno ).

Una risposta completa al termine dell'induzione rappresentava l’endpoint primario. Sono state valutate anche la sicurezza e la tollerabilità.

Alla fine dell'induzione, 40 pazienti erano valutabili e 2 erano deceduti.
Tra quelli valutabili, 34 pazienti ( 85% ) hanno presentato una risposta globale, e 30 pazienti ( 75% ) hanno avuto una risposta completa.

16 pazienti con DNA tumorale circolante positivo al basale hanno ripetuto il test alla fine dell'induzione e tutti sono risultati negativi alla malattia residua minima ( MRD ).

Tutti i pazienti nello studio hanno manifestato almeno un evento avverso e il 57% ( n=24 ) ha manifestato eventi avversi di grado 3 o di grado 4 che hanno portato all'interruzione della terapia.
12 pazienti ( 29% ) hanno manifestato eventi avversi gravi.

Le tossicità più comuni hanno incluso reazioni correlate all'infusione, affaticamento, nausea e costipazione.
La neutropenia ( 14% ) era la più comune tossicità ematologica.
Due pazienti sono deceduti durante il trattamento: una morte è stata improvvisa e non-correlata al trattamento e una donna di 52 anni è deceduta per arresto cardiaco correlato ad Atezolizumab 19 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose. La paziente aveva miocardite di grado 4 e bronchiolite obliterante. La miocardite è un noto effetto collaterale raro degli inibitori del checkpoint.

È necessario un follow-up più lungo per una valutazione più completa del rapporto rischio-beneficio della tripla combinazione e per l'analisi dei biomarcatori, compresa l'espressione di PD-L1 e l'infiltrazione tumorale di CD8.
L'obiettivo della combinazione è quello di prolungare le risposte. ( Xagena2017 )

Fonte: American Society of Hematology - ASH Annual Meeting, 2017

Onco2017 Emo2017 Farma2017


Indietro