Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis
BMS

Nivolumab più Ipilimumab migliora gli esiti nel carcinoma renale a cellule chiare in fase avanzata nei pazienti non-idonei alla nefrectomia


I risultati di un'analisi post hoc hanno mostrato che la combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) e di Ipilimumab ( Yervoy ) è in grado di migliorare l'esito nei pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanzata ( aRCC ) che non erano idonei per la nefrectomia.

I pazienti con tumore a cellule renali in fase avanzata che non sono idonei per la nefrectomia rappresentano una popolazione con elevate esigenze mediche insoddisfatte.

Lo studio di fase 3 CheckMate 214 aveva precedentemente dimostrato un miglioramento della sopravvivenza globale ( OS ), della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e del tasso di risposta obiettiva ( ORR ) con Nivolumab più Ipilimumab, rispetto a Sunitinib, nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare.
L'analisi post hoc della durata di 4 anni, non-specificata, ha valutato se i pazienti con una o più lesioni renali di grandi dimensioni, non-idonei alla nefrectomia, potevano trar beneficio dal trattamento con Nivolumab più Ipilimumab.

Le caratteristiche di base della coorte di analisi post hoc erano simili alla popolazione di più ampie dimensioni, con un'età media di 64 anni; il 76% era di sesso maschile.
La malattia nella maggior parte dei pazienti è stata classificata come a rischio intermedio ( 54% ) o ad alto rischio ( 45% ); inoltre la maggioranza presentava un minimo di 2 lesioni target ( 97% ).

Il trattamento con Nivolumab più Ipilimumab ha determinato una diminuzione della dimensione della lesione renale target del 30% o superiore nel 35% dei pazienti rispetto al 20% dei pazienti che hanno ricevuto Sunitinib.
Ciò si è tradotto in un tasso di risposta obiettiva del 34.0% con Nivolumab più Ipilimumab rispetto al 14.5% con Sunitinib.
I tassi ORR nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) sono stati pari al 39.1% e del 32.4%, rispettivamente, e del 41.9% e del 26.8% nei gruppi a rischio intermedio / alto.

Anche la durata della risposta ( DOR ) è risultata migliorata con Nivolumab più Ipilimumab, con una mediana di 20.5 mesi rispetto ai 14.1 mesi con Sunitinib.
Nei gruppi ITT e a rischio intermedio / alto, il DOR non era ancora stimabile per il gruppo Nivolumab più Ipilimumab rispetto a 23.7 mesi e a 19.7 mesi, rispettivamente, nel gruppo a rischio intermedio / alto.

La sopravvivenza globale mediana è stata pari a 26.1 e a 14.3 mesi nei gruppi Nivolumab più Ipilimumab ( combinazione ) e Sunitinib, rispettivamente ( hazard ratio [HR], 0.63; IC 95%, 0.40-1.00 ).
Nella popolazione ITT, la sopravvivenza mediana globale non è stata ancora raggiunta con l'immunoterapia rispetto a 38.4 mesi con Sunitinib.
Nella coorte a rischio intermedio / alto, la sopravvivenza globale mediana è stata pari a 48.1 e a 26.6 mesi con Nivolumab più Ipilimumab e con Sunitinib, rispettivamente.

La sopravvivenza senza progressione era simile tra i bracci, con una mediana di 8.1 mesi con Nivolumab più Ipilimumab rispetto a 11.9 mesi nel braccio Sunitinib, senza significatività statistica ( HR, 0.99; IC 95%, 0.59-1.67 ).
Anche la sopravvivenza libera da progressione era simile nella popolazione ITT, ma è risultata prolungata nella coorte a rischio intermedio / alto ( 11.2 vs 8.3 mesi; HR 0.74; IC 95% 0.62-0.88 ).

La frequenza degli eventi avversi, inclusi quelli potenzialmente immuno-mediati, era simile a quella dell'intera coorte, senza nuovi segnali di sicurezza.

In conclusione, nel sottogruppo esplorativo di pazienti con una o più lesioni renali target, la doppia immunoterapia con Nivolumab ed Ipilimumab ha offerto un vantaggio nella riduzione del tumore renale, nel tasso di risposta obiettiva, nella durata della risposta e nella sopravvivenza globale, rispetto a Sunitinib. ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Nefro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro