Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumori GenitoUrinari
Tumore prostata

Pembrolizumab come terapia di prima linea per i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule PD-L1-positivo


Pembrolizumab ( Keytruda ) ha migliorato la sopravvivenza come terapia di prima e seconda linea rispetto alla chemioterapia nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato con alta espressione del ligando 1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ).

Sono state riportate la sicurezza e l'attività clinica di Pembrolizumab come terapia di prima linea a lungo termine per i pazienti con tumore NSCLC avanzato e la correlazione tra espressione di PD-L1 ed efficacia.

Nella fase 1b aperta di KEYNOTE-001, i pazienti naive al trattamento con tumore NSCLC avanzato il cui tumore esprimeva PD-L1 ( 1% o più di colorazione, valutata usando un test prototipo ) sono stati assegnati casualmente a Pembrolizumab per via endovenosa 2 o 10 mg/kg ogni 3 settimane ( Q3W ) o 2 settimane ( Q2W ).

La risposta è stata valutata secondo i criteri RECIST 1.1 ogni 9 settimane in tutti i pazienti che hanno ricevuto 1 o più dosi di Pembrolizumab.
Utilizzando il tessuto tumorale pre-trattamento, un test clinico ha quantificato la percentuale di cellule tumorali che esprimevano PD-L1 come punteggio di proporzione del tumore ( TPS ).

Tra il 2013 e il 2015, 101 pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab 2 mg/kg Q3W ( n=6 ), 10 mg/kg Q3W ( n=49 ) o 10 mg/kg Q2W ( n=46 ).
Di questi, 27 ( 26.7% ) avevano TPS pari al 50% o superiore, 52 ( 51.5% ) avevano TPS compreso tra 1% e 49% e 12 ( 11.9% ) avevano TPS inferiore a 1%.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 27% ( 27/101 ) e la sopravvivenza globale mediana è stata di 22.1 mesi.

Nei pazienti con PD-L1 TPS maggiore o uguale al 50%, il tasso di risposta obiettiva, la sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi e la sopravvivenza globale a 12 mesi sono stati più elevati ( 14/27; 51.9%, 54% e 85%, rispettivamente ) rispetto alla popolazione complessiva ( 27/101; 26.7%, 35%, 71% ).

Pembrolizumab è stato ben tollerato, con solo 12 pazienti ( 11.9% ) che hanno avuto eventi avversi di grado 3/4 correlati al trattamento e non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

In conclusione, Pembrolizumab offre un promettente vantaggio di sopravvivenza globale a lungo termine con un profilo di sicurezza gestibile per tumore del polmone non-a-piccole cellule avanzato con espressione di PD-L1 naive al trattamento, con maggiore efficacia osservata nei pazienti con TPS del 50% o superiore. ( Xagena2017 )

Hui R et al, Ann Oncol 2017; 28: 874-881

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro