Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
ForumOncologico

Pembrolizumab ha dimostrato attività antitumorale nel carcinoma polmonare a piccole cellule


I risultati dello studio di fase 2 KEYNOTE-158, hanno dimostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) presenta una promettente attività antitumorale tra i pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule in fase avanzata, in particolare in quelli con una espressione di PD-L1 dell'1% o superiore.

Dallo studio di fase 1b KEYNOTE-028 era emerso che Pembrolizumab era efficace e ben tollerato nei pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule avanzato PD-L1-positivo.

Lo studio KEYNOTE-158 ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Pembrolizumab nei pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule sia PD-L1-negativo ( n = 50; 47% ) sia PD-L1-positivo ( n = 42; 39% ).
I partecipanti allo studio hanno ricevuto 200 mg di Pembrolizumab ogni 3 settimane per 2 anni o fino a progressione, a tossicità o a sospensione del trattamento per ritiro.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Al momento della data di cut-off dell'analisi ( 15 gennaio 2018 ) 15 pazienti stavano continuando a ricevere Pembrolizumab e 92 pazienti avevano interrotto il trattamento, principalmente a causa della progressione del cancro.
Il follow-up mediano è stato di 9.3 mesi ( intervallo, 0.5-22.3 mesi ).

Il tasso di risposta globale è stato pari al 18.7% ( IC 95%, 11.8-27.4% ) nella popolazione complessiva dello studio, 35.7% ( IC 95%, 21.6-52% ) nella popolazione PD-L1-positiva, e 6% ( IC 95% ), 1.3-16.5% ) nella popolazione negativa per PD-L1.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata di 2 mesi nella popolazione complessiva dello studio ( IC 95%, 1.9-2.1 mesi ), 2.1 mesi nella popolazione PD-L1-positiva ( IC 95%, 2-8.1 mesi ) e 1.9 mesi nella popolazione PD-L1-negativa ( IC 95%, 1.6-2 mesi ).

La sopravvivenza globale ( OS ) è stata pari a 8.7 mesi nell'intera popolazione studiata, 14.9 mesi nella popolazione PD-L1-positiva ( IC 95%, 5.6 mesi - non raggiunto ) e 5.9 mesi nella popolazione PD-L1-negativa ( IC 95%, 3.3-10.1 mesi ).

Eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati nel 60% ( n = 64 ) dei pazienti. Gli eventi avversi più comuni sono stati affaticamento ( 14% ), prurito ( 12% ), ipotiroidismo ( 12% ), diminuzione dell'appetito ( 10% ) e nausea ( 10% ).
Tredici pazienti hanno presentato eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4.
Sono stati segnalati due decessi correlati al trattamento, tra cui uno causato da polmonite e l'altro da encefalopatia.

Gli esiti di sicurezza erano simili ai risultati di studi precedenti che hanno esaminato la monoterapia con Pembrolizumab in altri tipi di tumore.

Questi risultati sono coerenti con quelli della coorte tumore polmonare a piccole cellule dello studio di fase 1b KEYNOTE-028 che ha valutato Pembrolizumab nei pazienti con tumori con espressione di PD-L1 in fase avanzata, trattati in precedenza. ( Xagena2018 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Meeting, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro