Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore rene
OncoGeriatria

Pembrolizumab ha dimostrato di essere sicuro ed efficace nel tumore della cervice


In uno studio di fase Ib, KEYNOTE-028, Pembrolizumab ( Keytruda ) è risultato attivo nel tumore alla cervice con un profilo di sicurezza simile a quello rilevato da studi precedenti con l'inibitore PD-1.

Quattro donne su 24 hanno presentato risposte parziali ( PR ) per un tasso di risposta globale ( ORR ) del 17% ( IC 95%, 5-37% ); 3 malattia stabile ( 13%, IC 95%, 3-32% ) e 16 malattia in progressione ( 67%, IC 95%, 45-84% ).

KEYNOTE-028 è uno studio di fase Ib, multicentrico, a singolo braccio, che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Pembrolizumab in 20 differenti tumori solidi avanzati PD-L1-positivi.

I dati qui presentati derivano da una analisi di 24 donne con il cancro alla cervice PD-L1-positivo, in fase avanzata.
Diciotto pazienti ( 75% ) hanno espresso PD-L1 solo nel tumore, mentre 6 ( 25% ) erano PD-L1-positivi nel tumore e nello stroma.

Le pazienti sono state assegnate a 10 mg/kg di Pembrolizumab come infusione endovenosa di 30 minuti ogni 2 settimane fino a 24 mesi o fino al ritiro del consenso, progressione radiografica confermata, tossicità inaccettabile o decisione dello sperimentatore.

Il trattamento poteva essere sospeso nelle pazienti che presentavano eventi avversi intollerabili o persistenti di grado 2 correlati al trattamento.
Inoltre il trattamento veniva interrotto se la tossicità non diventava di grado 0-1 entro 12 settimane.

Tutte le pazienti presentavano malattie metastatiche, che si trovavano più frequentemente nei linfonodi ( 67% ), nel polmone ( 38% ), nel bacino ( 38% ) e nel fegato ( 25% ).
Ventidue pazienti ( 92% ) avevano ricevuto in precedenza radioterapia, e 15 ( 63% ) avevano ricevuto due o più linee di chemioterapia per malattia avanzata.
Tutte le pazienti avevano ricevuto una chemioterapia a base di Platino prima dell'inizio dello studio, e 10 pazienti su 24 ( 42% ) erano state trattate in precedenza con Bevacizumab.

La sopravvivenza mediana senza progressione in tutte le pazienti era di 2 mesi ( IC 95%, 2-3) con un tasso del 21% a 6 mesi e del 4% a 12 mesi.
La sopravvivenza globale mediana in tutte le pazienti era di 11 mesi ( IC 95%, 4-15 ) con un tasso a 6 mesi del 67%, e del 40% a 12 mesi.

Il tempo mediano di risposta nelle 4 pazienti che hanno raggiunto risposta parziale è stato di 1.9 mesi ( range, 1.7-8.2 ).
La durata mediana di risposta ( DOR ) per le donne responder è stata di 5.4 mesi ( range, 4.1-7.5 ).
Due delle 4 pazienti che hanno presentato risposta parziale hanno mostrato una risposta per più di 6 mesi.
I campioni tumorali di tutte e 4 le pazienti con risposta parziale avevano espressione di PD-L1 solo nel tumore.

Al momento del cut-off dei dati, il follow-up mediano era di 11.0 mesi ( range, 1.3-32.2 mesi ).

Diciotto pazienti hanno manifestato eventi avversi correlati al trattamento con Pembrolizumab. Il rash ( 21% ) e la piressia ( 17% ) hanno interessato il 10% o più dei pazienti.

Tutte le pazienti hanno interrotto il trattamento durante lo studio, 4 ( 17% ) a causa di eventi avversi, 1 ( 4% ) a causa della decisione del medico e 19 ( 79% ) a causa della progressione della malattia.

Cinque pazienti hanno sperimentato eventi avversi correlati al trattamento di grado 3, tra cui neutropenia, rash, colite, sindrome di Guillain-Barre e proteinuria.
Non ci sono stati eventi avversi correlati al trattamento di grado 4 e nessun decesso associato al trattamento.

Quattro pazienti ( 17% ) hanno sperimentato eventi avversi gravi che sono stati considerati correlati al trattamento, tra cui 1 caso ciascuno di rash di grado 3, colite e sindrome di Guillain-Barre, e 1 caso di piressia di grado 2.
Due pazienti hanno interrotto il trattamento a causa della colite correlata al trattamento di grado 3 e della sindrome di Guillain-Barre. Dopo la sospensione, la paziente con sindrome di Guillain-Barre, sottoposta a trattamento con Tegeline, ha recuperato.
Sei pazienti hanno presentato un evento avverso immuno-mediato, incluso il rash cutaneo di grado 3 ( n=2 ), colite ( n=1 ) e sindrome di Guillain-Barre ( n=1 ) e 1 ciascuno ipertiroidismo e ipotiroidismo di grado 2. ( Xagena2017 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2017

Onco2017 Gyne2017 Farma2017


Indietro