Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoHub
Tumore prostata

Pembrolizumab in prima linea è migliore delle chemioterapia nel tumore polmonare non-a-piccole cellule, specialmente nel sottogruppo PD-L1-alto


L'aggiunta di Pembrolizumab ( Keytruda ) al trattamento di prima linea Carboplatino / Paclitaxel o Nab-Paclitaxel ( Abraxane ) ha ridotto il rischio di morte del 36% rispetto alla sola chemioterapia nei pazienti con cancro polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatico squamoso, secondo i risultati dello studio di fase III KEYNOTE-407.

  La sopravvivenza globale mediana ( OS ) è stata di 15.9 mesi con Pembrolizumab contro 11.3 mesi con la chemioterapia da sola ( hazard ratio, HR=0.64; P=0.0008 ).
Il beneficio della sopravvivenza globale è stato osservato indipendentemente dal livello di espressione di PD-L1, dal taxano scelto, età, sesso ed ECOG performance status.

  Anche la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) è migliorata con l'aggiunta di Pembrolizumab.
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 6.4 mesi con l'inibitore PD-1 rispetto a 4.8 mesi con la sola chemioterapia ( HR=0.56; P minore di 0.0001 ).
Mentre il beneficio di sopravvivenza libera da progressione è stato osservato con tutti i livelli di espressione di PD-L1, c'è stata una correlazione tra un aumento del livello di PD-L1 e una maggiore entità di beneficio.

I dati suggeriscono che Pembrolizumab più Carboplatino e Paclitaxel oppure Nab-Paclitaxel dovrebbe diventare un nuovo standard di cura per il trattamento di prima linea del tumore NSCLC metastatico squamoso, indipendentemente dall'espressione di PD-L1.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) nel braccio Pembrolizumab è stato del 57.9%, comprendente un tasso di risposta completa ( CR ) dell'1.4% e una percentuale di risposta parziale ( PR ) del 56.5%.
Nel braccio di controllo, ORR è stato del 38.4%, comprendente un tasso di risposta completa del 2.1% e un tasso di risposta parziale del 36.3%.

La durata della risposta è stata di 7.7 mesi per Pembrolizumab contro 4.8 mesi del placebo.

Nella coorte Pembrolizumab, il 28.1% dei pazienti aveva una malattia stabile, il 6.1% presentava una malattia progressiva e il 2.2% dei pazienti non era valutabile per la risposta.
Le percentuali corrispondenti nel gruppo trattato con chemioterapia sono state, rispettivamente, pari a 37.0%, 13.9% e 2.5%.

Nello studio di fase III KEYNOTE-407, 559 pazienti naive-al-trattamento con tumore NSCLC metastatico squamoso hanno ricevuto Carboplatino ( AUC 6 ) e Paclitaxel (2 00 mg/m2 ) ogni 3 settimane oppure Nab-Paclitaxel settimanale ( 100 mg/m2 ), oltre a Pembrolizumab ( 200 mg ogni 3 settimane ) oppure placebo per 4 cicli ( ogni 3 settimane ), seguito da Pembrolizumab come singolo agente ( 200 mg ogni 3 settimane ) oppure placebo per un massimo di 31 cicli, per un totale potenziale di 35 cicli.

Dopo i primi 4 cicli, i pazienti randomizzati al braccio placebo sono stati autorizzati a ricevere Pembrolizumab per i potenziali ulteriori 31 cicli.

Gli endpoint co-primari erano: sopravvivenza globale e sopravvivenza libera da progressione. Un endpoint secondario chiave per lo studio era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva.

Sono stati trattati 278 pazienti nella coorte Pembrolizumab e 281 pazienti hanno ricevuto un trattamento nel braccio sola chemioterapia.
Nel braccio Pembrolizumab, 121 pazienti sono rimasti in trattamento e 157 hanno interrotto l'assunzione. I motivi principali per la sospensione sono stati la progressione della malattia ( n=99 ) e gli eventi avversi ( eventi avversi: n=48 ).
Nel braccio con la sola chemioterapia, 72 pazienti sono rimasti in trattamento, mentre 208 hanno interrotto la terapia, principalmente a causa della progressione ( n=166 ) e degli eventi avversi ( n=25 ).

Le caratteristiche dei pazienti erano ben bilanciate al basale tra i due bracci.
Nel braccio Pembrolizumab, l'età media era di 65.0 anni, il 79.1% dei pazienti era di sesso maschile, il 73.7% aveva un ECOG performance status pari a 1, il 7.2% presentava metastasi cerebrali stabili e il 92.1% era composto da fumatori correnti / precedenti.
Inoltre, il 60.8% dei pazienti aveva ricevuto Paclitaxel come taxano, il 6.1% aveva subito una precedente irradiazione toracica e l'1.8% era stato sottoposto a una precedente terapia neoadiuvante. 

Lo stato di PD-L1 è stato misurato in base al punteggio di proporzione del tumore ( TPS ).
Nel braccio Pembrolizumab, il 34.2%, il 37.1% e il 26.1% hanno presentato, rispettivamente, uno status PD-L1 TPS inferiore a 1%, 1-49% e maggiore o uguale al 50%.
Le percentuali corrispondenti nel braccio placebo sono state rispettivamente del 35.2%, 37.0% e 26.0%.

  L'hazard ratio per la sopravvivenza globale è stato pari a 0.61, 0.57 e 0.64, favorendo il braccio Pembrolizumab nei sottogruppi TPS inferiore a 1%, 1-49% e maggiore o uguale al 50%, rispettivamente.
Negli stessi 3 sottogruppi, l'hazard ratio per la sopravvivenza libera da progressione a favore del braccio Pembrolizumab è stato, rispettivamente, pari a 0.68, 0.56 e 0.37.

  La durata mediana del trattamento è stata di 6.3 mesi nel braccio Pembrolizumab rispetto a 4.7 mesi nel braccio placebo.

Gli eventi avversi di grado 3-5 per qualsiasi causa si sono verificati nel 69.8% rispetto al 68.2% dei due bracci, rispettivamente.
Gli eventi avversi correlati al trattamento hanno portato all'interruzione per il 23.4% dei casi nel braccio sperimentale rispetto all'11.8% nel braccio di controllo.
Gli eventi avversi immunomediati di grado 3-5 e le reazioni all'infusione si sono verificati nel 10.8% rispetto al 3.2% dei due bracci, rispettivamente.
Complessivamente, gli eventi avversi correlati al trattamento hanno portato alla morte nel 3.6% contro il 2.1% dei casi nei due bracci, rispettivamente. ( Xagena2018 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology - ASCO Meeting, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro