Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Pembrolizumab nel setting neoadiuvante non aumenta le complicanze chirurgiche nel cancro della cavità orale


Pembrolizumab ( Keytruda ) nel setting neoadiuvante non ha aumentato il rischio di gravi complicanze chirurgiche tra i pazienti con cancro avanzato della cavità orale.
Inoltre, Pembrolizumab neoadiuvante può potenzialmente ridurre la morbilità perioperatoria data la risposta immediata del tumore prima della resezione chirurgica.
Le complicanze chirurgiche sono infatti comuni dopo la resezione del cancro primario della cavità orale.

Pembrolizumab, un anticorpo monoclonale che ha come bersaglio PD-1, trova indicazione anche nel trattamento del carcinoma squamoso della testa e del collo, ricorrente, non-resecabile o metastatico, compreso il carcinoma a cellule squamose della cavità orale.

La potenziale utilità della terapia con inibitori di PD-1 nel setting neoadiuvante come parte della gestione chirurgica primaria del tumore HNSCC, così come il suo effetto sugli esiti chirurgici, è poco conosciuta.

È stato progettato uno studio clinico multi-istituzionale per valutare le complicanze chirurgiche tra i pazienti con carcinoma primario della cavità orale a cellule squamose, naive-al-trattamento, che avevano ricevuto Pembrolizumab neoadiuvante prima della resezione chirurgica.

Sono stati esaminati retrospettivamente i dati dello studio da una coorte di 32 pazienti ( età media, 58 anni; deviazione standard, ± 3.92; 59% maschi, 94% bianchi ) con carcinoma primario a cellule squamose del cavo orale che avevano ricevuto Pembrolizumab neoadiuvante prima della resezione chirurgica presso un unico Centro medico terziario.

La maggior parte ( 56% ) della coorte aveva più di 10 anni di fumo, l'85% aveva una malattia in stadio IV e quasi tutti ( 97% ) sono stati sottoposti a ricostruzione del lembo libero.

Non sono state riportate differenze statisticamente significative tra il gruppo Pembrolizumab e il gruppo controllo riguardo a: edema / linfedema ( 63% ciascuno ), fallimento del lembo ( 8.8% versus 6.3% ), fistola ( 18% vs 22% ), deiscenza della ferita ( 12 % vs 22% ), infezione della ferita ( 21% vs 22% ), ematoma ( 5.9% vs 3.1% ) o ritorno in sala operatoria entro 30 giorni ( 21% vs 22% ).

I risultati hanno mostrato una diminuzione statisticamente significativa del trisma nel gruppo Pembrolizumab ( 22% vs 50%; P = 0.02 ).

Un precedente report aveva mostrato che i pazienti che avevano ricevuto l'immunoterapia preoperatoria avevano sviluppato complicazioni maggiori che hanno richiesto un trattamento chirurgico.

Lo studio presenta dei limiti, inclusa la piccola dimensione del campione e la capacità dei ricercatori di catturare solo determinati eventi avversi.
Sono, pertanto, necessari ulteriori studi progettati per valutare coorti più ampie di pazienti che ricevono Pembrolizumab nel setting neoadiuvante prima della resezione chirurgica del carcinoma primario della cavità orale a cellule squamose. ( Xagena2022 )

Fonte: American Head & Neck Society ( AHNS ) Annual Meeting, 2022

Oto2022 Neuro2022 Onco2022 Farma2022


Indietro