Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
OncoDermatologia
Tumore prostata

Quantificata la presenza di biomarcatori immunoterapici nel carcinoma mammario


Una analisi retrospettiva di dati ha dimostrato che, sebbene una minoranza di pazienti con carcinoma mammario invasivo esprima instabilità dei microsatelliti, elevato carico mutazionale tumorale o espressione di PD-L1, questi biomarcatori possono chiarire il beneficio degli inibitori del checkpoint immunitario per la malattia tumorale.

La presenza di tumori con alta instabilità dei microsatelliti ( MSI ) in alcune pazienti con carcinoma mammario non è completamente definita.
Sono stati studiati anche altri biomarcatori, tra cui lo stato di espressione di PD-L1 e il carico mutazionale del tumore, con l'obiettivo di prevedere il beneficio per la paziente derivante dall'impiego di farmaci in grado di bloccare il checkpoint immunitario.

Per comprendere meglio il ruolo di questi biomarcatori nel tumore alla mammella, è stato utilizzato il database Caris Life Sciences per analizzare mediante sequenziamento di nuova generazione ( NGS ) 9.627 pazienti ( età media, 56.8 anni ) con carcinoma mammario.
L'espressione di PD-L1 sulle cellule tumorali è stata valutata su 5.203 pazienti utilizzando l'analisi immunoistochimica con clone SP-142.

In totale, 354 pazienti ( 6.8% ) sono risultate positive per PD-L1, in base alla presenza di più del 5% della colorazione della membrana delle cellule tumorali.

I ricercatori hanno definito le pazienti con instabilità dei microsatelliti alta ( MSI alta ) o stabile ( MSI stabile ) confrontando le ripetizioni o le delezioni su oltre 7.000 sequenze di microsatelliti nel campione col genoma di riferimento hg19.

I tumori a instabilità alta sono stati definiti quelli con varianze ripetute in più di 45 microsatelliti. 12 su 1.952 tumori presentavano alta instabilità dei microsatelliti ( 0.6% ).

È stato calcolato il carico mutazionale del tumore come numero totale di mutazioni somatiche non-sinonime identificate per megabase dell'area di codifica del genoma.
Dei 1.952 campioni testati, 72 tumori ( 3.7% ) avevano un alto carico mutazionale tumorale, o un carico di almeno 17 mutazioni per megabase.

Si è rilevato che 7 dei 12 tumori con alta instabilità dei microsatelliti presentavano una elevata carica mutazionale tumorale.
Inoltre, 5 dei 12 tumori alla mammella con alta instabilità dei microsatelliti erano tripli negativi. I rimanenti erano positivi per i recettori ormonali.

In questa ampia coorte, sono stati testati 1.952 tumori per tutti e tre i biomarcatori di interesse ( PD-L1, instabilità dei microsatelliti e carico mutazionale del tumore ).
La maggior parte delle pazienti ( 51.5% ) presentava malattia positiva per i recettori ormonali, il 37.3% presentava tumori tripli negativi e l'11.2% era positivo per HER-2.

Lo stato di positività per tutti e tre i biomarcatori si è verificato in 189 pazienti ( 9.7% ). Almeno un biomarcatore è stato rilevato nel 7.3% dei tumori positivi per i recettori ormonali, nel 10% dei tumori HER-2-positivi e nel 13% dei tumori al seno tripli-negativi.
Questi hanno compreso per lo più casi PD-L1-positivi ( 6.1% ) e con alto carico mutazionale tumorale ( 3.7% ), mentre solo lo 0.6% presentava alta instabilità dei microsatelliti .

Lo stato di carico mutazionale del tumore è risultato significativamente più alto nei tumori al seno lobulari ( 13.7% ).
Questo dato richiede un approfondimento mediante ulteriori ricerche. ( Xagena2017 )

Fonte: San Antonio Breast Cancer Symposium, 2017

Onco2017 Gyne2017



Indietro