Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Rischio di eventi avversi immuno-correlati nei pazienti con malattie autoimmuni trattati con inibitori del checkpoint immunitario per il melanoma in stadio III o IV


È stato quantificato il rischio di eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) nei pazienti con malattia autoimmune preesistente ( pAID ) trattati con inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ) per il melanoma in stadio III o IV.

È stato eseguito uno studio caso-controllo su una coorte prospettica multicentrica francese di pazienti con melanoma, appaiati per fattori di rischio di eventi avversi immuno-correlati e stadiazione oncologica. Il rischio di eventi avversi immuno-correlati è stato valutato mediante regressione logistica.

In tutto 110 pazienti con malattia autoimmune preesistente sono stati inclusi e abbinati a 330 controlli, dal 2013 al 2020.

In un periodo mediano di follow-up di 7.2 mesi per i casi e 6.9 ​​mesi per i controlli, gli odds ratio ( OR ) di eventi avversi immuno-correlati che si sono sviluppati di tutti i gradi e di grado 3 o superiore tra i casi confrontati con i controlli sono stati rispettivamente 1.91 e 1.44.

I pazienti con malattia autoimmune preesistente hanno presentato un rischio aumentato di eventi avversi immuno-correlati multipli ( OR 1.46 ) e un tempo di insorgenza di eventi avversi immuno-correlati più breve.
Per contro, non vi sono state differenze nella mortalità correlata ad eventi avversi immuno-correlati né nel tasso di interruzione del trattamento e un'analisi di riferimento ha rivelato una migliore sopravvivenza a 24 mesi tra i casi ( P=0.02 ).

Il 30% dei casi ha manifestato una riacutizzazione della malattia autoimmune preesistente durante il follow-up e l'immunosoppressione al basale non ha impedito l'insorgenza di eventi avversi immuno-correlati.
Infine, sono state riportate associazioni tra i sottoinsiemi clinici di malattia autoimmune preesistente ed eventi avversi immuno-correlati organo-specifici.

Nello studio, i pazienti con malattia autoimmune preesistente sono stati a maggior rischio di eventi avversi immuno-correlati di tutti i gradi, gravi e multipli, ma hanno avuto una sopravvivenza a 24 mesi migliore rispetto ai controlli.

Pertanto, i pazienti con malattia autoimmune preesistente dovrebbero essere idonei alla terapia con inibitori del checkpoint immunitario ma beneficiare di un attento monitoraggio dell'insorgenza di eventi avversi immuno-correlati, specialmente durante i primi mesi di terapia. ( Xagena2022 )

Plaçais L et al, Ann Rheum Dis 2022; 81: 1445-1452

Reuma2022 Dermo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro