BMS
Lung Unit
Novartis
Tumore Mammella

Risultati promettenti della combinazione Nivolumab e Ipilimumab nei tumori delle vie biliari


L'immunoterapia di combinazione è risultata associata a significativi esiti positivi tra i pazienti con carcinoma della colecisti e colangiocarcinoma intraepatico.

Una analisi di sottogruppo dello studio di fase 2 CA209-538 ha rilevato che l'uso dell'immunoterapia di combinazione con Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) era associato a risultati positivi significativi tra i pazienti con carcinoma della colecisti e colangiocarcinoma intraepatico.

Lo studio prospettico, multicentrico e non-randomizzato ha valutato i pazienti con tumore raro avanzato, compresi quelli con tumori delle vie biliari.
L'analisi dei sottogruppi ha preso in esame specificamente 39 pazienti, la maggior parte dei quali ( n=33 ) aveva sperimentato progressione della malattia dopo una o più linee di terapia, e presentava tessuto tumorale disponibile per la ricerca dei biomarcatori.

Quelli inclusi nell'analisi di sottogruppo hanno ricevuto 3 mg/kg di Nivolumab e 1 mg/kg di Ipilimumab ogni 3 settimane per 4 dosi, seguiti da 3 mg/kg di Nivolumab ogni 2 settimane per un massimo di 96 settimane fino a progressione della malattia o a sviluppo di eventi avversi inaccettabili.

L'endpoint primario dello studio era il tasso di controllo della malattia valutato secondo i criteri RECIST v1.1.

Della coorte totale inclusa nell'analisi di sottogruppo, il tasso di risposta obiettiva è stato del 23% ( n=9 ) con un tasso di controllo della malattia del 44% ( n=17 ).
In particolare, tutti i responder avevano ricevuto una precedente chemioterapia e nessuno aveva un tumore con instabilità dei microsatelliti.
Inoltre, le risposte sono state osservate solo in pazienti con colangiocarcinoma intraepatico e carcinoma della colecisti.

Secondo gli sperimentatori, la risposta alla terapia con inibitori del doppio checkpoint nel cancro delle vie biliari può differire in base alla sede anatomica.
Questo può essere spiegato da una diversa frequenza di alterazioni genomiche nei geni del complesso di rimodellamento della cromatina SWI/SNF tra i sottotipi anatomici che sono noti per sensibilizzare le cellule tumorali all'uccisione mediata dai linfociti T.

La durata mediana della risposta non è stata raggiunta ( range, da 2.5 a 23 mesi o più ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) è stata di 2.9 mesi ( IC 95%, 2.2-4.6 mesi ) e la sopravvivenza globale ( OS ) è stata di 5.7 mesi ( IC 95%, 2.7-11.9 mesi ).

Complessivamente, gli eventi avversi immuno-correlati sono stati riportati nel 49% dei pazienti ( n = 19 ), con il 15% ( n = 6 ) che ha manifestato eventi di grado 3 o 4.

Poichè l'analisi è stata condotta in un numero limitato di pazienti, sono pertanto necessarie ulteriori indagini su una più ampia casistica di pazienti. ( Xagena2020 )

Fonte: Klein O et al, JAMA Oncology, 2020; Online ahead of print

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro