Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore prostata

Sopravvivenza a lungo termine dei pazienti con melanoma con metastasi cerebrali attive trattate con Pembrolizumab


Pembrolizumab ( Keytruda ) è attivo nel melanoma, ma l'attività nei pazienti con metastasi cerebrali non-trattate è meno consolidata.
E' stato presentato il follow-up a lungo termine dei pazienti trattati con Pembrolizumab con metastasi cerebrali nuove o in via di sviluppo trattate in uno studio clinico di fase II.

Sono stati arruolati 23 pazienti con melanoma con una o più metastasi cerebrali asintomatiche, non-trattate, di 5-20 mm non-richiedenti corticosteroidi; il 70% dei pazienti aveva subito una precedente terapia sistemica.
Pembrolizumab è stato somministrato per un massimo di 24 mesi.

La risposta delle metastasi cerebrali, l'endpoint primario, è stata valutata mediante i criteri modificati RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi.
I tumori pretrattamento sono stati analizzati per l'infiltrato delle cellule T e il ligando di morte cellulare programmata 1 ( PD-L1 ).

In 6 pazienti ( 26% ) è stata osservata una risposta delle metastasi a livello cerebrale. 8 pazienti ( 35% ) non hanno raggiunto una scansione di valutazione secondo il protocollo e non erano valutabili per la risposta delle metastasi cerebrali come risultato della progressione o della necessità di radiazioni.

Le metastasi cerebrali e le risposte sistemiche erano concordanti con tutte quelle in corso a 24 mesi.

I tempi mediani di sopravvivenza libera da progressione e globale sono stati rispettivamente di 2 e 17 mesi.

11 pazienti ( 48% ) erano vivi a 24 mesi, includendo 3 pazienti non-valutabili.

Uno di questi tre pazienti ha subito una emorragia e due avevano sintomi da edema perilesionale che hanno richiesto radiochirurgia, ma tutti e tre i pazienti sono rimasti in trattamento con Pembrolizumab più di 24 mesi dopo.

Nessuno dei sopravvissuti a 24 mesi ha ricevuto successivamente BRAF inibitori.

Eventi avversi neurologici si sono verificati nel 65% dei pazienti; tutti gli eventi avversi tranne uno sono stati di grado 1 o 2.
3 pazienti hanno avuto convulsioni, che sono state trattate con anticonvulsivanti.

La maggior parte dei responder aveva più alta densità cellulare CD8 prima del trattamento e più alta espressione PD-L1, rispetto ai non-responder.

Pembrolizumab è attivo nelle metastasi cerebrali da melanoma con tossicità accettabile e risposte durature.
È necessaria una assistenza multidisciplinare per gestire in modo ottimale i pazienti con metastasi cerebrali, inclusa la considerazione delle radiazioni su lesioni ampie o sintomatiche, che sono state escluse in questo studio.
La sopravvivenza a 2 anni è risultata simile a quella dei pazienti senza metastasi cerebrali trattati con agenti anti-PD-1.
Le risposte concordanti cerebrali ed extracerebrali supportano l'uso di Pembrolizumab nel trattamento di piccole metastasi cerebrali asintomatiche. ( Xagena2019 )

Kluger HM et al, J Clin Oncol 2019 37: 52-60

Onco2019 Dermo2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro