Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Valutazione della sicurezza e dell'efficacia del rechallenge dell'immunoterapia nei pazienti con carcinoma a cellule renali


Diversi inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ) sono approvati per l'impiego nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico ( mRCC ), ma l'efficacia e la sicurezza del rechallenge di inibitori ICI per tumore renale mRCC sono sconosciute.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia del rechallenge di inibitori ICI nei pazienti con tumore renale mRCC in uno studio di coorte multicentrico e retrospettivo che ha incluso pazienti consecutivi con tumore mRCC da 9 centri negli Stati Uniti che hanno ricevuto almeno 2 linee separate di inibitori del checkpoint immunitario ( ICI-1, ICI-2 ) tra il 2012 e il 2019.

I pazienti sono stati esposti a un inibitore del checkpoint immunitario ( anti-proteina 4 associata ai linfociti T citotossici [ anti-CTLA-4 ], anti-proteina 1 di morte cellulare programmata [ anti-PD-1 ] o anti-ligando 1 di morte cellulare programmata [ anti-PD-L1 ] ), da solo o in combinazione con altre terapie, in almeno 2 linee di terapia separate per tumore mRCC.

Gli esiti principali erano la migliore risposta globale valutata dallo sperimentatore ed eventi avversi immuno-correlati.

Sono stati inclusi in totale 69 pazienti. L'età mediana alla diagnosi di tumore mRCC era di 61 anni. Di questi, 50 erano uomini e 19 erano donne.
Le terapie più comuni ricevute in ICI-1 sono state: inibitore del checkpoint immunitario in monoterapia ( n=27, 39% ) o inibitore del checkpoint immunitario in combinazione con terapia mirata ( n=29, 42% ), mentre in ICI-2, le terapie più comuni sono state: inibitore del checkpoint immunitario come agente singolo ( n=26, 38% ) o doppio inibitore del checkpoint immunitario ( n=22, 32% ).

La maggior parte dei pazienti ha interrotto ICI-1 a causa della progressione della malattia ( n=50, 72% ) o degli effetti tossici ( n=16, 23% ).
I tassi di risposta globale a ICI-1 e ICI-2 sono stati rispettivamente del 37% e del 23%.

La probabilità di una risposta a ICI-2 è stata maggiore tra i pazienti che avevano precedentemente risposto a ICI-1 ( 7 su 24, 29% ), sebbene le risposte a ICI-2 siano state osservate in coloro che avevano una malattia progressiva come la loro migliore risposta dopo ICI-1 ( 3 su 14, 21% ) così come in coloro che hanno ricevuto un inibitore del checkpoint immunitario come agente singolo in ICI-2 ( 7 su 23, 30% ).

Eventi avversi immuno-correlati di grado 3 o superiore sono stati osservati in 18 pazienti ( 26% ) e 11 pazienti ( 16% ) rispettivamente in ICI-1 e ICI-2.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

I risultati di questo studio di coorte multicentrico hanno indicato che il rechallenge degli inibitori del checkpoint immunitario nei pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico può essere sicuro e ragionevolmente efficace, con un tasso di risposta globale del 23%.
Sono necessari dati da studi prospettici per convalidare questi risultati e determinare il ruolo dei regimi a base di inibitori del checkpoint immunitario sequenziali nel trattamento del tumore RCC metastatico. ( Xagena2020 )

Ravi P et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1606-1610

Nefro2020 Uro2020 Onco2020 Farma2020



Indietro